Giulio Michelon a Villafranca ospite di Dreamers: «Fare impresa? Buttarsi e partire»

Continuano nel Veronese gli appuntamenti di Dreamers, la community che aggrega imprenditori, freelance e studenti con la voglia di conoscersi e confrontarsi. Dopo il quarto incontro con Giulio Michelon, l’ospite del prossimo sarà Federico Pedron, il 26 aprile.

Giulio Michelon ospite di Dreamers
Giulio Michelon, al centro, con gli organizzatori di Dreamers, Alessandro Marconcini e Marco Pettenon

Prima di tutto: iniziate”. Questo il titolo del quarto incontro della community “Dreamers”, che si è tenuto la scorsa settimana a Villafranca, nella sala conferenze dell’Hotel Antares. Ospite d’onore Giulio Michelon, ceo e cofondatore di Belka, società di sviluppo software e web design con sede a Trento, che fra i propri clienti ha importanti aziende che stanno innovando il mondo web e digitale.

Michelon ha affrontato insieme al gruppo di appassionati di imprenditoria, startup ed innovazione che compongono i “Dreamers” il tema dell’avvio di un’attività imprenditoriale. Per il quale è necessario abbandonare paure e incertezze.

LEGGI ANCHE: Paternoster (Lega): «Da studiare le ragioni del disastro annunciato»

«Di solito si inizia da cose sbagliate. Il punto non è da cosa, o come. Il punto è iniziare a muovere i primi passi» dice Michelon. «È difficile non avere paura, dare il via a un percorso senza tenersi al bordo della piscina. Bisogna iniziare a nuotare: quella è la vera sfida».

«Bisogna provarci al meglio delle proprie possibilità» continua il cofondatore di Belka, che fra i propri clienti ha realtà del livello di Subito.it, Scalapay e Fatture in cloud. «Trovare un’opportunità sulla quale fare impresa è difficile: sono convinto che una persona nella propria vita ne possa incontrare due, tre, quattro. Non sono infinite. Quindi è giusto buttarsi e partire, accettando che possa andare male».

LEGGI ANCHE: Tommasi: «Tocca a noi ora amministrare coi fatti»

Il settore del digitale sembra trovare terreno fertile più in California che in Italia. «È un momento molto felice per questo tipo di aziende in Italia» secondo Giulio Michelon. «Siamo usciti dall’anno con più finanziamenti in tecnologia e i primi mesi di quest’anno sono stati ottimi».

C’è però il rovescio della medaglia. «Ci scontriamo con uno dei sistemi legali più assurdi mai inventati nella storia umana. Anche solo calcolare il costo del lavoro è molto complicato. Mi piacerebbe vedere un mondo in cui questi aspetti si semplificano. Io ho comunque deciso di restare in Italia, mi piace qui, ma mi auguro che si facciano i passi giusti per permettere alle aziende di competere più agevolmente sul panorama internazionale» conclude Michelon.


Guarda l’intervista a Giulio Michelon su Radio Adige Tv


LEGGI ANCHE: Damiano Tommasi, la partita perfetta

Dreamers

Oltre alle parole degli ospiti, durante gli incontri Dreamers sono quasi più importanti quelle che si scambiano i partecipanti – una trentina per evento – fra di loro, prima e dopo. In un clima di apertura e dialogo. Ed era proprio questo l’obiettivo dei due organizzatori della community e degli eventi, i veronesi Alessandro Marconcini e Marco Pettenon.

Proprio nel territorio scaligero volevano offrire l’opportunità di incontro a chi, come loro, cerca occasioni per nuove idee, progetti, crescita. I primi eventi infatti si sono tenuti a Sommacampagna e Villafranca. Oltre a Giulio Michelon, sono stati ospiti di Dreamers Nicolò Vallenari e Jack Ballarini. Il prossimo sarà Federico Pedron, cofondatore e ceo di Zwap, piattaforma di networking professionale, il 26 aprile.

Per conoscere Dreamers e unirsi agli eventi – gratuiti –, gli organizzatori chiedono agli aspiranti partecipanti di compilare un breve questionario, per essere certi, da entrambe le parti, di condividere gli obiettivi degli incontri.

LEGGI LE ULTIME NEWS DI ECONOMIA

Giulio Michelon ospite di Dreamers

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?👉 È GRATUITO!👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv