Giovani e territorio: parte il progetto “Open Space”

Oggi, mercoledì 21 marzo, e domenica 25 marzo si terranno i workshop organizzati da Uisp nell’ambito del progetto Open Space. L’iniziativa è dedicata ai giovani tra i 16 e i 24 anni che vivono in situazioni di disagio sociale o a rischio devianza e prevede alcune attività sportive e di valorizzazione del territorio in 11 città italiane. Gli incontri di oggi e domenica, in particolare, saranno incentrate sul parkour e sul rap freestyle e si terranno allo skate park di Legnago.

È dedicato ai giovani tra i 16 e i 24 anni in condizioni di disagio sociale, come NEET (non occupati e non studenti) e giovani a rischio devianza, il progetto Open Space, che prevede la costituzioni di equipaggi (Crew) di Street Sport nelle periferie di 11 città italiane. L’obiettivo? Valorizzare lo spazio pubblico, attraverso la co-progettazione di attività sportive e di ripensamento degli spazi urbani ad uso sportivo e sociale, e contrastare l’emarginazione giovanile.

Le attività, organizzate da Uisp (Unione Italiana Sport Per Tutti) inizieranno oggi allo skate park di Legnago e proseguiranno anche domenica 25 marzo. In particolare, dalle 14 alle 16 di oggi pomeriggio si parlerà (e ci si eserciterà) nel parkour insieme a Francesco “Fox” Gheller Frau e Devid “Dex” Cazzato. Domenica 25 marzo, invece, si terrà un workshop di rap freestyle dalle 15 alle 17.

Strade, piazze, giardini verranno ripensati ad uso sportivo e sociale con attrezzature e/o attraverso l’utilizzo del dispositivo mobile “To MOveS“, un container attrezzato per attività ludico-motorie che la Uisp ha realizzato attraverso un crowdfunding civico, che a rotazione servirà alcuni dei territori coinvolti.