Fidas, il 1 aprile il camper in Bra per promuovere la cultura del dono

Promuovere tra studenti la cultura del dono del sangue e degli emocomponenti. Con questo obiettivo Fidas Verona ha coinvolto dieci istituti scolastici veronesi nel concorso “A scuola di dono”, promosso da Fidas nazionale, che festeggia quest’anno i 60 anni di attività.

Lunedì 1 aprile alle 16, nella sala convegni del palazzo della Gran Guardia, saranno decretati i vincitori, scelti fra le classi che hanno aderito all’iniziativa. A sfidarsi nella gara di creatività sono state le primarie di Cerea, Alpo, San Pietro di Morubio, Roverchiara e San Pietro di Lavagno, e le secondarie di primo grado di Grezzana, Zevio, Oppeano, Isola Rizza e Roverchiara. I primi di entrambe le categorie accederanno alla fase nazionale del concorso, a fianco dei ragazzi selezionati dalle altre 72 federate. I finalisti saranno proclamati al 58° Congresso nazionale Fidas di Matera, il 26 e 27 aprile.

L’iniziativa è co-organizzata dai volontari di Fidas Verona con l’Assessorato all’Istruzione del Comune di Verona. Alle premiazioni interverranno la presidente di Fidas Verona Chiara Donadelli, l’Assessore all’Istruzione Stefano Bertacco e la giura che ha valutato gli elaborati.

«Da 18 anni i nostri volontari entrano in classe per seminare negli studenti la cultura del dono volontario, anonimo e gratuito – commenta la presidente provinciale Donadelli –. Il “Progetto scuole”, grazie all’impegno delle nostre donatrici Maurizia Grisi e Maria Cristina Fontanarosa e al prezioso sostegno degli insegnanti, ci ha permesso di incontrare migliaia di studenti e di aprire ben 8 sezioni all’interno degli istituti. Un segnale che la scuola è un terreno fertile per coltivare la solidarietà fra quelli che saranno gli adulti di domani».

Nella mattinata del 1 aprile il Gruppo Giovani di Fidas Verona sarà presente in piazza Bra con un gazebo. I donatori sensibilizzeranno i passanti con la distribuzione di opuscoli e gadget. Nel corso della mattinata – alle 11.30 – farà tappa in città anche il camper di Fidas nazionale, in tour lungo lo stivale