Enoitalia, premiata la comunicazione per il suo prosecco

Enoitalia ha vinto il premio "miglior innovazione di prodotto" alla sesta edizione dei Vini&Consumi Awards. Ad aggiudicarsi il titolo, la campagna promozionale avviata dall'azienda per il suo Prosecco "Alberto Nani Prosecco Doc".

vino - vinitaly - dazi ameicani

Alla sesta edizione dei Vini&Consumi Awards, Enoitalia si è aggiudicata il premio come miglior innovazione di prodotto con la campagna “Alberto Nani Prosecco Doc”.

L’iniziativa, promossa da Tespi Mediagroup avvenuta ieri pomeriggio online in occasione della manifestazione wine2wine organizzato da Veronafiere, ha l’obiettivo di sottolineare l’impegno delle aziende del settore vitivinicolo che si sono distinte nell’ideazione e realizzazione di attività di marketing e comunicazione, svolte nell’anno solare 2019. Le premiazioni sarebbero dovute avvenire durante l’edizione di Vinitaly 2020, cancellata per la pandemia da Coronavirus.

Enoitalia è stata premiata per la campagna di comunicazione di uno dei prodotti di punta dell’azienda che è il prosecco certificato biologico e vegano Doc Alberto Nani, che riscuote un grande successo in Europa, specie nei paesi del nord, ed è un fenomeno in forte crescita anche in Usa, Asia e Australia.

Leggi anche: Il Prosecco spumante rosé ora in vendita anche all’estero

Nel 2019 Enoitalia è diventata il secondo produttore italiano di Prosecco, un grande risultato per l’azienda, guidata dalla famiglia Pizzolo, che da anni investe per promuovere la bollicina italiana più amata nel mondo. Alberto Nani Prosecco bio rappresenta una piccola parte di questi volumi, come vino biologico, ma si è già costruito un’importante leadership europea nei mercati più sensibili ai temi del bio e vegano.

«I consumatori, anche meno esperti, stanno iniziando a interessarsi sempre di più a cosa mettono nel bicchiere – ha detto Stefania Vittoni, responsabile relazioni esterne di Enoitalia, che ha ritirato virtualmente il premio per Enoitalia– diventando più attenti e consapevoli al bere. Nei paesi del Nord Europa c’è molta attenzione ai prodotti e ai vini biologici ma questa cultura si sta espandendo anche in altri paesi, tra cui l’Italia, e in altri continenti. Enoitalia da anni promuove temi come il biologico, la sostenibilità (VIVA) e, recentemente, il vegan. Aderiamo ai massimi standard qualitativi e di certificazione. Pensiamo che questi temi, spesso considerati di nicchia, siano anche i più sfidanti visto che i consumatori molto selettivi e particolarmente più attenti».

Leggi anche: Giovane e donna: l’identikit del consumatore medio di vino