Si chiude il progetto Green Vision del Consorzio Merlara

La cantina Merlana fa parte del gruppo Collis. Giovedì 18 luglio presenterà i risultati di un anno di lavoro mirato su ambiente, biodiversità e sostenibilità dei vigneti.

I tecnici WBA e AGREA al lavoro nei vigneti.

Giovedì 18 luglio alle ore 19.00 si terrà a Urbana (Pd), presso il Museo delle Antiche Vie, ex Monastero di San Salvaro, il convegno finale del progetto Green Vision, che ha visto il Consorzio Tutela vini Merlara impegnato in un importante progetto di valorizzazione territoriale in chiave ambientale. In un anno si è lavorato sulla biodiversità specifica e funzionale dell’agro-eco-sistema viticolo di pianura del GAL Patavino e sulla creazione di strumenti tecnologicamente avanzati per una gestione più sostenibile del vigneto, anche al fine di ridurre l’impiego di concimi chimici, diserbanti e prodotti fitosanitari.

Il progetto è stato supportato dal gruppo Collis che ha messo a disposizione i propri tecnici, in particolare Mirko Trevisi e Mattia Zorzan, che durante il convegno interverranno sulla stagione 2019 e sull’impatto del progetto nelle aziende coinvolte. Sarà il turno poi di Enrico Marchesini di AGREA, Nicola Tormen di WBA e Laura Guidolin dell’Università di Padova, esecutori materiali del progetto, che illustreranno gli interventi svolti. Infine Gianfranco Caoduro, Mauro Gambin e Chiara Mattiello parleranno della creazione della carta degli habitat, un importante strumento che servirà da base per un nuovo turismo rurale sul territorio. Il convegno è moderato da Aldo Lorenzoni, direttore del Consorzio Tutela Vino Merlara.

«Il progetto Green Vision ha creato un grande interesse da parte dei viticoltori dell’area per le nuove tecniche agricole sostenibili – dice Luigino De Togni, presidente della DOC Merlara – stanno nascendo nuove imprese con una forte sensibilità nei confronti dell’ambiente e Green Vision ha dato uno slancio ulteriore. Siamo contenti di condividere i risultati con i nostri soci per continuare la crescita della nostra denominazione verso una maggiore consapevolezza per il territorio e la sua tutela».