Osservatorio Latte, segnali di ripresa dal comparto in Veneto

Le dinamiche positive, per il Veneto, vengono dall’esportazione di alcuni prodotti DOP, come il Grana Padano e l’Asiago.

allevamento mucche latte

Dopo diverse complicazioni, arrivano alcuni interessanti segnali di ripresa per il comparto del latte. I primi cinque mesi del 2019 (gennaio-maggio) sono infatti all’insegna di un aumento di prezzo del latte crudo alla stalla rispetto allo stesso periodo del 2018. Le quotazioni sono cresciute in Italia (+10%), in Veneto (+6%), e anche in Lombardia (+10%) ed Emilia-Romagna (+20%), questo secondo l’Osservatorio Latte dell’Ismea.

I principali Paesi lattiferi dell’UE hanno registrato invece performance inferiori (Francia +4%, Germania +5%, EU28 +2%). Ricordiamo che il 2018 non era stato un anno positivo per i produttori di latte. Infatti, sempre secondo Ismea, lo scorso anno era stato registrato a livello nazionale un prezzo medio annuo ponderato pari a 36,78 euro/hl (-3,2% sul 2017), al netto di IVA e premi; il Veneto aveva fermato il prezzo sui 36,29 euro/hl, praticamente uguale a quello dell’anno precedente. Da rilevare che la richiesta di prodotti lattiero-caseari al consumo è ritornata a calare nel 2018 in valore della spesa (-0,9%), mentre l’agroalimentare nella sua totalità risulta stabile (+0,3%). I prodotti lattiero-caseari con maggiori riduzioni sono stati soprattutto quelli sfusi (-3,3%), che rappresentano circa 28% dell’acquistato. In particolare, i formaggi semiduri, il latte fresco e UHT, i formaggi industriali e duri. Si salvano gli yogurt ed i formaggi freschi.

Le dinamiche positive, per il Veneto, vengono dall’esportazione di alcuni prodotti DOP, come il Grana Padano e l’Asiago che contribuiscono, insieme agli altri DOP caseari, al sostegno del prezzo del latte alla stalla e che consentono alle cooperative lattiero-casearie di liquidare prezzi superiori alla media.

I dati sul prezzo di liquidazione (anno 2017, ultimi disponibili), elaborati nel Report di Veneto Agricoltura, evidenziano, come risultato per la cooperazione veneta, un valore medio annuo ponderato pari a 44,43 euro/hl, IVA e premi compresi (+8,4%), valore superiore di circa 4 euro/hl del prezzo medio monitorato dall’Osservatorio Latte dell’Ismea nello stesso anno per la nostra regione, pari a quasi 40 euro/hl IVA compresa. Il Report è completato da ulteriori analisi di confronto sul prezzo di liquidazione di altre regioni italiane e con i principali Paesi produttori di latte a livello europeo. Nell’elaborato vengono, infine, presentate ulteriori analisi con dettagli per provincia, altitudine e classe di conferimento degli allevamenti.

Leggi il report completo.