Una professione all’avanguardia, giovane, dinamica, ma piena di esperienza. Si è tenuto ieri a Bussolengo l’evento conclusivo per festeggiare i 90 anni di attività del collegio dei geometri, fondato l’11 febbraio del 1929, e in particolare di quello veronese. Presenti alla celebrazione un centinaio di geometri professionisti e il presidente del collegio scaligero, Fiorenzo Furlani.

All’appuntamento, durante il quale è stato fatto anche il punto sull’attività del geometra e sono state lanciate nuove sfide per la professione, è intervenuto anche il consigliere regionale Andrea Bassi, che ha ribadito l’importante ruolo sociale e strategico della figura del geometra. I geometri, infatti continuano a essere protagonisti della comunità e la norma approvata, proprio in questi giorni, dal Consiglio regionale per regolarizzare le difformità catastali di immobili costruiti prima del 1977, ne fanno i professionisti di riferimento anche in quest’ambito.

«Da 90 anni – ha detto il presidente Furlani – quella del geometra è una professione al passo con i tempi. La nostra è una storia indelebile retta da alti valori di competenza, condivisione e solidarietà. Non dobbiamo scordare il passato, anzi conoscerlo, ricordando agli anziani che il geometra è nato con loro, ma dobbiamo agire concretamente nel presente, attenti alle evoluzioni e preparandoci ad affrontarle sempre con adeguata formazione. Dobbiamo operare uniti per il futuro della nostra professione e per sostenerla e tramandarla alle future generazioni con tutti i suoi alti valori».