Primo bilancio per la Cad It dall’uscita da Piazza Affari

Il Gruppo Cad It, leader nel mercato italiano del software finanziario con sede in via Torricelli a Verona, ha approvato il 19 giugno il bilancio d'esercizio. Il 2018 ha visto l'uscita della Spa dalla Borsa di Milano e la conseguente fusione con la non quotata Cad Srl.

Il 2018 si chiude in positivo per il gruppo Cad, che da oltre 40 anni il gruppo opera nel mercato dell’Information Technology, offrendo soluzioni software per il mondo finanziario di imprese e pubbliche amministrazioni. L’assemblea degli azionisti ha dato il via libera al bilancio consolidato, il primo dopo l’acquisizione delle società spagnole e dopo il delisting. Da dicembre 2018, infatti, le azioni di Cad non sono più quotate a Piazza Affari. La manovra fa seguito alla fusione inversa della società controllante (Cad IT Spa società incorporata) nella società controllata al 100 per cento Cad IT Spa (società incorporante, in precedenza Cad Srl).

I ricavi per il 2018ammontano a un totale di 66,4 milioni di euro, in crescita di quasi quattro milioni rispetto all’esercizio precedente. Cresce anche il margine operativo lordo che arriva a 13,5 milioni di euro, registrando più un milione rispetto al 2017. L’utile, al netto delle imposte, ammonta a 5,5 milioni di euro, ancora una volta in crescita.

Gli utili di esercizio della capogruppo Cad It Spa non verranno divisi tra i soci, ma destinati a riserva straordinaria, come deliberato dall’assemblea. Si tratta di una riserva libera, a disposizione per coprire eventuali perdite o in caso di aumento del capitale sociale gratuito.

Scaduto il mandato degli amministratori, l’amministrazione della società sarà nelle mani di un consiglio a tre: Paolo Dal Cortivo, Giulia Dal Cortivo e Flavio Piva. Resteranno in carica sino al 2020, al momento dell’approvazione del prossimo bilancio d’esercizio.