Ato Veronese, Bruno Fanton nuovo presidente

L’elezione questa mattina. Entrano nel Comitato Istituzionale Alessandra Ravelli e Denise Zoppi. Confermato il direttore generale Luciano Franchini.

È Bruno Fanton il nuovo presidente del Consiglio di Bacino Veronese, meglio conosciuto come Ato, l’ente garante del servizio idrico integrato a Verona e provincia. Fanton subentra a Claudio Melotti, sindaco di Bosco Chiesanuova, alla guida dall’estate scorsa. Attualmente è assessore ai Lavori Pubblici, Urbanistica, Edilizia Privata e viabilità del Comune di Cerea.

ato
Bruno Fanton (a sinistra), insieme al direttore ATO Luciano Franchini

Questa mattina i sindaci veronesi riuniti in assemblea hanno votato Fanton, insieme anche a due componenti del Comitato Istituzionale decaduti per effetto delle elezioni dello scorso maggio. Entrano così Alessandra Ravelli, consulente aziendale e sindaco del Comune di Roverè Veronese (in rappresentanza della Lessinia) e Denise Zoppi, ingegnere ambientale e assessore del Comune di Belfiore (in rappresentanza dell’Est veronese).

Il Comitato Istituzionale risulta così composto: Bruno Fanton (presidente del Consiglio di Bacino Veronese e precedentemente vice presidente del Comitato Istituzionale), Alessandra RavelliDenise ZoppiMarco Padovani (Comune di Verona) e Luca Sebastiano (rispettivamente Comune di Verona e Comune di Lazise, entrambi già componenti del Comitato Istituzionale).

Nuovo revisore dei conti è Massimo Gazzani, che succede a Fausto Pasini, confermato come Direttore Generale l’ingegnere Luciano Franchini.

«Sindaci, Comuni e territori sono la mia priorità e una sfida importante. Nel mio mandato cercherò di risolvere il maggior numero di problematiche e soddisfare le aspettative dei territori – afferma Bruno Fanton –. Priorità che si aggiungono a quelle già note e che restano in cima all’agenda: collettore, Pfas, la realizzazione di nuove condotte acquedottistiche per sopperire al problema della salubrità dell’acqua. E poi, il piano quadriennale 2020-2023» elenca Fanton.

«Spero quindi di ricambiare la fiducia che mi è stata concessa e di essere all’altezza del ruolo, con l’irrinunciabile aiuto dello staff del Consiglio di Bacino che lavora con coscienza e conoscenza. Ringrazio i membri del Comitato Istituzionale che sono stati confermati, Padovani e Sebastiano, e chi ha dovuto “passare la mano”, Provoli e il mio predecessore Melotti: tutte persone preparatissime e con solida esperienza amministrativa e politica alle spalle» conclude Fanton.