Anche Verona nell’istituto nazionale di robotica

Nasce in Italia l’Istituto di robotica e macchine intelligenti. Il coordinatore del progetto per l'ateneo scaligero è il docente Paolo Fiorini.

contributi regione diritto allo studio

È nata ufficialmente l’Associazione I-RIM, che riunisce tutti gli attori italiani del mondo della robotica e delle macchine intelligenti, dalla ricerca più visionaria all’industria più aperta alle tecnologie avanzate. Tra i fondatori del progetto anche l’ateneo scaligero con il laboratorio Altair, eccellenza a livello nazionale nel settore della robotica e dei sistemi intelligenti.

«La comunità robotica italiana – afferma Paolo Fiorini, docente di Sistemi di elaborazione delle informazioni dell’università di Verona, che per l’ateneo sarà capofila del progetto – dopo diversi anni di tentativi, è riuscita a creare una rete di laboratori distribuiti sul territorio in cui viene portata avanti la ricerca interagendo con diverse aziende locali e nazionali che hanno bisogno di supporto per l’analisi dei dati». Gli scienziati e i docenti al lavoro nel laboratorio scaligero, coordinato dal professore, raccoglieranno le esigenze di innovazione tecnologica delle aziende del territorio attraverso la ricerca sull’intelligenza artificiale.

«Il motto dell’Istituto è “Diamo corpo all’Intelligenza Artificiale” – dice il neopresidente Antonio Bicchi, docente di Pisa. – Le Tecnologie dell’InterAzione (IAT) si concentrano infatti su quegli aspetti dell’intelligenza artificiale che mettono l’accento sulle azioni fisiche scambiate col mondo per capirne e migliorarne il comportamento. Sono quindi complementari alle Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (Ict), che si occupano principalmente di raccogliere, trasmettere e analizzare dati.»

I-RIM verrà presentato al pubblico in un grande appuntamento di tre giorni che si svolgerà nei padiglioni 9 e 10 della Fiera di Roma, dal 18 al 20 ottobre 2019. Il calendario è ricchissimo di incontri per gli associati, ma aperti anche a tutti gli interessati. La tre giorni è organizzata in coincidenza e in collaborazione con Maker Faire – The European Edition 2019, la kermesse tecnologica che attira decine di migliaia di fan delle tecnologie.