1,5 milioni di euro, è l’importo dei lavori presentati oggi da VeronaMercato. Gli interventi andranno a realizzare i tamponamenti delle tettoie che coprono i piazzali di carico nord e sud del centro agroalimentare di Verona. È il primo passo verso una vera e propria area protetta a temperatura controllata, per garantire la catena del freddo e la flessibilità operativa richiesta dallo sviluppo della logistica.

Sulle facciate principali saranno coperte 86 postazioni di carico. La superficie delle testate interessate dai lavori si estende per un totale di 9.500 metri quadrati. L’obiettivo, spiega il Presidente di VeronaMercato Andrea Sardelli, è di inaugurare la parte nord entro natale.

«Il Consiglio di Amministrazione – spiega Sardelli – ha voluto fortemente questo tipo di intervento. La galleria mercatale ha due entrate, che io chiamo per semplicità Alfa e Beta, e con oggi inauguriamo appunto l’assegnazione dei lavori e l’inizio delle chiusure. Questo servirà per andare a migliorare la qualità della vita degli operatori, ma anche delle stesse merci. Iniziamo con questa prima parte, la stessa cosa verrà replicata dalla parte opposta e consentirà quindi di poter lavorare soprattutto nei mesi invernali in condizioni climatiche ottimali

Paolo Merci, Direttore Generale di Veronamercato, illustra il cammino per il futuro, iniziato 16 anni fa. «È un intervento importante che chiude un circolo di interventi strutturali che avevamo pensato già dall’avvio del centro alimentare. Non ci fermiamo qui, poiché ci sono degli interventi antisismici nel settore generi misti, poi avremo il completamento dell’asfaltatura del mercato perché ovviamente il manto stradale si deteriora quindi è importante curarlo bene. Oltre a questo andiamo a sommare altri interventi sul controllo accessi e sulle telecamere, quindi importante preservare la nostra clientela e fare in modo che le condizioni climatiche all’interno del mercato con questi interventi vadano a migliorare, quindi i nostri acquirenti possano lavorare al meglio.»

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.