Sider Alloys, operai: «riavvio a rischio»

Atteso oggi l'incontro con il governatore della Sardegna a Cagliari.

sider alloys

Il problema è sempre lo stesso: il costo dell’energia è troppo alto e, senza soluzioni, a breve Sider Alloys – la multinazionale dell’alluminio che più di un anno e mezzo fa ha rilevato lo stabilimento ex Alcoa di Portovesme – potrebbe decidere di andar via. Ancor prima di avere riavviato la produzione. E gli operai ritornano in piazza.

Oggi alcune decine di manifestanti si sono ritrovati davanti a Villa Devoto, sede della presidenza della Regione Sardegna. Alle 12.30 è anche previsto un incontro con il governatore Christian Solinas. «Chiediamo una soluzione da troppo tempo, ancora una volta ci auguriamo che la Regione sia dalla nostra parte – dice Bruno Usai di Fiom Cgil – ora poi siamo entrati nella partita della decarbonizzazione che mette tanta incertezza».

Quanto all’investitore, Sider Alloys, «ci ha già fatto sapere di non aver avuto alcun riscontro da parte del Governo, né che vi sia la reale intenzione di chiudere positivamente». Insomma, dice Usai, «siamo tornati in una zona d’ombra». (Ansa)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.