Patuelli (Abi): «Dal 2020 il totale dei Btp in mano alle banche potrebbe calare»

Le banche si preparano a restituire i prestiti alla Bce.

Antonio Patuelli btp
Il presidente dell'ABI, Antonio Patuelli, con il direttore dell'Ansa, Luigi Contu (S), durante il forum ANSA, Roma, 25 giugno 2019. ANSA/ETTORE FERRARI

«Da gennaio è molto probabile che il totale dei titoli di Stato italiani» in possesso delle banche italiane, ora poco sotto i 400 miliardi di euro, «cali in maniera significativa» perché gli istituti dovranno iniziare a restituire i prestiti Bce del Tltro. Lo ha detto il presidente dell’Abi Antonio Patuelli al Forum Ansa, ricordando che l’acquisto di titoli di stato rappresenta anche un «parcheggio di liquidità per le banche».

«Avverto in anticipo, non meravigliamoci a gennaio se c’è un forte calo. Se qualcuno deve restituire un prestito deve preparasi in anticipo».

I ritardi nei pagamenti della P.a.

Il problema dei ritardi nei pagamenti della P.a. si è «ridimensionato» passando da «100 miliardi di 5 anni fa a una discesa a circa un terzo. È una situazione che deve essere corretta ma è meno emergenziale» ha aggiunto il presidente dell’Abi rispondendo a una domanda sui minibot: «la situazione deve essere alleggerita sulle spalle delle imprese e dei cittadini ma con meccanismi ortodossi». Se i minibot «sono Bot», ha aggiunto, significa che «si viene pagati in titoli che aumentano il debito». (Ansa)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.