Confindustria, Italia rischia recessione

Gli industriali stimano una crescita zero anche nel 2020.

confindustria

L’Italia «è ancora sulla soglia della crescita zero rischiando di cadere in recessione in caso di nuovi shock»: il Centro studi di Confindustria, aggiornando le sue previsioni, vede oggi una «Italia in bilico tra ripresa e recessione». A «politiche invariate», con il rialzo di Iva e accise, gli economisti di via dell’Astronomia stimano un Pil fermo sia quest’anno sia nel 2020 quando, invece, «crescerebbe dello 0,4% se l’aumento delle imposte indirette venisse annullato e finanziato interamente a deficit».

Gli industriali propongono quindi di ampliare la platea dei beneficiari del ‘bonus 80 euro’ a «quei 4 milioni di contribuenti lavoratori dipendenti incipienti» e di allineare all’aliquota del primo scaglione Irpef anche il secondo scaglione: «comporterebbe risparmi fiscali per il 56% dei contribuenti Irpef ed un costo per lo Stato di circa 8 miliardi». (Ansa)