Caldo africano, danni nelle campagne

Peperoni e angurie bruciati dal sole rovente. È iniziata la conta dei danni provocati nei campi dall'ondata di caldo africano che sta riguardando tutta la Penisola. Coldiretti stima una perdita dal 10 al 30 per cento del raccolto per gli agricoltori, che sono dovuti ricorrere anche all'irrigazione di soccorso.

coldiretti caldo danni nelle campagne
Ortaggi bruciati dal sole

Si contano i primi danni provocati dall’ondata di caldo africano nelle campagne dove bruciano frutta e verdura pronte per la raccolta. A segnalarlo è Coldiretti, che sottolinea come le alte temperature abbiano provocato perdite dal 10 al 30 per cento del raccolto in alcune aziende della pianura padana dove si registrano i picchi di calore più elevati.

Dalle angurie che mostrano evidenti segni di scottature con sfregi bianchi sulla buccia ai peperoni ustionati con macchie marroni che li rendono invendibili. Con il grande caldo è emergenza nelle campagne dove gli agricoltori sono costretti a ricorrere all’irrigazione di soccorso per salvare le coltivazioni in sofferenza per le alte temperature, dagli ortaggi al mais, dalla soia al pomodoro. Con le temperature superiori ai 35 gradi anche le piante sono a rischio stress idrico e colpi di calore che compromettono la crescita dei frutti negli alberi, bruciano gli ortaggi e danneggiano i cereali.

L’intervento con irrigazione di soccorso è importante soprattutto per far sopravvivere le piantine piccole che non avendo radici sviluppate non riescono a raggiungere lo strato umido del terreno poiché lo sbalzo improvviso della temperatura tende a formare una crosta in superficie. Al momento non c’è allarme siccità poiché le riserve di acqua sono per ora garantite – sottolinea la Coldiretti – grazie alle precipitazioni del mese di maggio come dimostrano i grandi laghi che hanno un grado di riempimento pari al 78 per cento in quello di Como al 92 per cento il Maggiore e fino al 96 per cento per il Garda mentre il fiume Po al Ponte della Becca si trova ad un livello di poco più di mezzo metro al di sotto dello scorso anno. Bene anche i bacini artificiali in Piemonte – conclude la Coldiretti – vicini alla capacità massima, così come quelli in Emilia Romagna e del Centro-Sud, dal Lazio all’Abruzzo fino alla Calabria e alla Sicilia secondo l’Anbi che segnala invece difficoltà solo in Basilicata e in Sardegna.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.