Cooking Quiz, anche Cna presente alla sfida per giovani chef del “Berti”

Gli studenti del “Berti” partecipano alla tappa veronese del gioco televisivo che mette alla prova le competenze dei futuri chef e ristoratori. Presente anche Cna Agroalimentare con l'intervento “La ricetta dell’impresa perfetta”, elementi chiave per progettare il domani da imprenditori del settore.

Oggi, giovedì 20 febbraio, fa tappa a Verona il tour di Cooking Quiz, progetto nazionale arrivato alla quarta edizione che coinvolge gli Istituti Alberghieri d’Italia in un Concorso Didattico itinerante realizzato in collaborazione con Plan Edizioni e Alma La Scuola Internazionale di Cucina Italiana.

Gli studenti delle classi quarte degli indirizzi Enogastronomia, Prodotti dolciari e Sala e vendita dell’alberghiero “Berti”, dopo una prima parte della mattinata dedicata alla formazione a cura dei docenti della Scuola Alma, si sfideranno in un gioco a quiz proprio sulle nozioni appena apprese. Tutta la gara sarà ripresa da una troupe, e l’intero format sarà trasmesso a partire da marzo su Canale Italia e Sky.  

La classe migliore avrà accesso alle finali nazionali, di scena a Salsomaggiore Terme nei giorni 20-21 e 22 maggio. Qui gli Istituti Alberghieri provenienti da tutta Italia si batteranno per ottenere il titolo di Campione Nazionale Cooking Quiz 2020,oltre ai premi messi in palio per le prime tre scuole classificate per ogni indirizzo. 

Il progetto è realizzato con la collaborazione, tra le altre, di Cna Agroalimentare, il Mestiere nazionale dedicato al food e alle attività di ristorazione. In loco saranno presenti i professionisti di Cna Veneto Ovest, l’associazione territoriale che accompagna i giovani aspiranti imprenditori di settore con attività di supporto mirate. Per l’occasione sarà presentato agli studenti il pitch Cna “La ricetta dell’impresa perfetta”, un breve intervento focalizzato sugli elementi chiave per progettare il proprio domani da imprenditori del loro settore.

«In Veneto – spiega il ristoratore Mirco Froncolati, Portavoce Agroalimentare Cna Veneto Ovest – aprono ogni anno circa 1200 nuove attività di settore, ma ne chiudono quasi il doppio. Questo è il segno di un ambiente dinamico e attrattivo, ma più difficile di quello che possa sembrare da fuori, specie se lo si affronta senza la dovuta preparazione professionale».

«Non ci si può improvvisare ristoratori, e al giorno d’oggi meno che mai: ecco perché formazione continua e il supporto costante di scuola, istituzioni e associazioni sono fondamentali per crescere talenti che non corrano il rischio di… scottarsi» conclude Froncolati. «Ben vengano poi possibilità come questa, che ricordano come apprendere insieme può essere anche divertente, oltre che utile».