CIA Verona: «Anno difficile, continueremo con la digitalizzazione»

Andrea Lavagnoli, presidente di CIA Verona, fa un sunto dell'anno appena trascorso: cali drastici nell'ortofrutta e nel vino, decremento della vendita di fiori. L'auspicio per il 2021 è continuare a investire nel digitale, raggiungendo anche le aree dove non arriva la banda larga.

L’agricoltura veronese chiude un anno fortemente condizionato dall’emergenza Covid, con le ricadute e le complicazioni che si sono vissute in seguito alle limitazioni imposte al settore Horeca e ad altri comparti, come il florovivaismo.

«Le chiusure e i ridimensionamenti per la ristorazione, i bar e gli agriturismi hanno comportato una diminuzione dei prodotti consumati e di conseguenza, meno vendite – riassume Andrea Lavagnoli, presidente provinciale di Cia Agricoltori Italiani –. I prodotti invenduti sono rimasti in giacenza e hanno subìto forti ribassi di prezzo. I ristoranti hanno acquistato meno frutta, verdura e formaggi, mentre nei bar la vendita di vino è molto calata. Anche gli hotel hanno ridotto gli ordini a causa del forte calo del turismo, soprattutto straniero, mentre gli agriturismi, attività connesse all’agricoltura, hanno accusato il colpo più duro perdendo quasi la totalità degli ospiti, rimanendo senza liquidità. Un altro decremento allarmante ha riguardato la vendita di fiori e piantine. In occasione della ricorrenza dei defunti, lo scorso 1° novembre, ha sfiorato il minimo storico».

Lavagnoli si augura che nel 2021 si riesca a voltare pagina, «ma bisogna fare i conti con la realtà e ritengo che probabilmente ci porteremo strascichi del 2020 anche nell’anno che verrà. Ci sono tuttavia alcune metodologie emerse durante il lockdown che dovremo continuare a utilizzare, come la crescente interazione digitale sia nelle vendite online, sia nella didattica a distanza e nello smart working. Sono però tante le zone della provincia veronese non coperte della banda larga, per cui mi auguro che vengano fatti importanti passi avanti nella digitalizzazione. Abbiamo bisogno di queste nuove tecnologie se vogliamo essere più incisivi sui mercati. Nel 2021 punteremo sempre di più su un’agricoltura sostenibile, sulla qualità, sulla ricerca e sull’innovazione: l’agricoltura, pur avendo salde radici nella tradizione, è in continua evoluzione e le aziende devono stare al passo. Avremo sempre più bisogno di aderire alla filosofia del green, con un’attenzione maggiore alla salvaguardia della natura. Ma per uscire da questo periodo difficile serve anche un progetto condiviso ed elaborato di concerto con le istituzioni. Godiamo di un patrimonio di prodotti eccezionali e solo una visione ampia può portarci ad avere un ruolo forte nel mercato italiano ed estero».