Chiusure di Pasqua, al “sistema Verona” costano 500 milioni

Questa la fotografia di Confcommercio Verona. Paolo Arena: «Soltanto nei giorni di Pasqua, con ristoranti e bar chiusi e zero clienti negli alberghi, si perderanno circa 100 milioni di euro rispetto al 2019»

ristorUn ristorante chiuso per le limitazioni imposte dal governo.anti chiusi natale ristorante chiuso chiusura
Un ristorante chiuso per le limitazioni imposte dal governo.

Un calo medio dell’80% per i pubblici esercizi (bar, ristoranti, pasticcerie, gelaterie), del 70% per il commercio al dettaglio e l’ambulantato – settori in cui “resiste” solo l’alimentare – del 90% per il comparto ricettivo, con il tasso di occupazione delle camere vicino allo zero: è la fotografia della seconda Pasqua consecutiva in lockdown scattata da Confcommercio Verona, che evidenzia un crollo verticale rispetto ai dati del 2019. E se chiusure e limitazioni dell’analoga festività del 2020 avevano assestato un duro colpo alle imprese del terziario di mercato e del turismo, quelle di quest’anno rischiano di spingere sul baratro migliaia di aziende veronesi, particolarmente penalizzate in quanto attive in un territorio che vive prevalentemente di turismo e commercio.

«La zona rossa scattata a metà marzo, che nella migliore delle ipotesi proseguirà fino al 14 aprile per lasciar spazio, bene che vada, all’arancione – commenta il presidente di Confcommercio Verona Paolo Arena – presenterà secondo le nostre stime un conto di 500 milioni di mancate entrate al Sistema Verona. Soltanto nei giorni di Pasqua, con ristoranti e bar chiusi e zero clienti negli alberghi, si perderanno circa 100 milioni di euro rispetto al 2019». 

paolo arena-confcommercio-verona-4
Il presidente di Confcommercio Verona, Paolo Arena.

Leggi anche: Domani protesta in piazza Bra degli imprenditori

«Una catastrofe economica – la definisce il direttore di Confcommercio Verona Nicola Dal Dosso – che non è assolutamente compensata da ristori ancora tardivi e insufficienti, che bastano a malapena a coprire poche spese fisse e dai criteri di accesso troppo restrittivi. Non è pensabile che le imprese possano sopportare ancora a lungo questa situazione di gravissimo danno economico e profonda incertezza».

«Le nostre imprese, come evidenziamo nella campagna di sensibilizzazione lanciata lunedì da Confcommercio Verona – riprende Arena – vogliono semplicemente lavorare. Se la prossima settimana i numeri del contagio, come auspichiamo, saranno in calo, chiediamo si proceda con le opportune valutazioni e si consentano in sicurezza le riaperture al più presto, senza attendere sino a maggio: siamo al bis del 2020 e questa volta l’epilogo rischia di essere tragico per l’intero tessuto economico e sociale, con chiusure e perdite di posti di lavoro irrimediabili».

Il direttore di Confcommercio Verona e della cooperativa di garanzia Cofinditer Nicola Dal Dosso.
Il direttore di Confcommercio Verona e della cooperativa di garanzia Cofinditer Nicola Dal Dosso.

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM