CCIAA Verona: «Brexit, preoccupazione per la tutela del vino»

Con l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea si sono presentate ripercussioni anche sul mondo della proprietà intellettuale, mettendo a rischio la competitività delle imprese. Lo Sportello Tutela Proprietà Intellettuale della Camera di Commercio di Verona organizza per questo il webinar “Brexit e diritti IP - Time to write a new story”.

brexit italia verona accordi unione europea ue uk

L’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea ha portato con sé alcuni effetti che toccano da vicino il mondo della Proprietà Intellettuale e dunque la competitività delle imprese. È questo il tema del webinar “Brexit e diritti IP  – Time to write a new story”, organizzato dallo lo Sportello Tutela Proprietà Intellettuale della Camera di Commercio di Verona.

Leggi anche: Export, dazi e Brexit pesano sull’Italia

Per effetto della Brexit infatti, il Regno Unito è divenuto un Paese terzo in materia di diritti di proprietà intellettuale. Tuttavia, l’Accordo sugli scambi commerciali e la cooperazione siglato con l’UE prevede regole di conversione dei marchi, modelli o disegni comunitari già registrati all’Ufficio dell’UE per la proprietà intellettuale (Euipo) prima del 31.12.2020: questi titoli verranno convertiti in equivalenti marchi, modelli o disegni validi nel Regno Unito, senza richiesta di pagamento di tasse ufficiali; dalla conversione, però, diventeranno titoli autonomi rispetto a quelli originari, il che vuol dire che alla scadenza dovranno essere rinnovati dall’impresa. Per i titoli presentati all’EUIPO entro dicembre 2020 ma non ancora registrati a quella data sarà invece necessario chiedere la conversione all’Ufficio del Regno Unito (UKIPO) entro il 30.9.2021. Il Regno Unito si è impegnato comunque, anche in questo caso, a creare un titolo “clone”.

LEGGI LE ULTIME NEWS DI ECONOMIA

«Le imprese veronesi esportano prodotti per 654 milioni di euro, l’export nel 2020 è diminuito del 13,2% – afferma Riccardo Borghero, vicesegretario generale della Camera di Commercio di Verona – per effetto del Covid, ma senz’altro anche dalla confusione generata dal mancato accordo tra Regno Unito e Unione Europea sulla Brexit. Oltre ai problemi per la gestione dell’IVA, in regime extracomunitario, le aziende si trovano anche a dover gestire questi delicati passaggi di consegne in tema di proprietà intellettuale. Ricordo che il principale prodotto esportato nel Regno Unito è il vino ed è anche il più imitato. Per questo occorre fare attenzione a tutti i passaggi di conversione e ricordare che poi le scadenze per il rinnovo saranno quelle britanniche, come gli uffici di riferimento. Per le imprese veronesi titolari di diritti di proprietà intellettuali europei, che dovranno quindi gestire questi adeguamenti, è sempre disponibile lo Sportello Tutela Proprietà Intellettuale della CCIAA, che fornisce informazioni e supporto attraverso i professionisti che vi collaborano».

Nessun impatto, invece, è previsto sui brevetti europei per i quali era stato designato anche il Regno Unito, in quanto il titolo conferito dalla procedura di registrazione è già un titolo nazionale. Sono protette anche le Indicazioni Geografiche già registrate nell’UE al 31.12.2020., per tutto il periodo in cui durerà la protezione nell’UE.

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO ULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM