Cavara: «Fiera, aeroporto e Arena fondamentali per il nostro turismo»

Giulio Cavara, presidente di Federalberghi Verona, ha raccontato le difficoltà del comparto turistico in una città fortemente culturale come Verona, il sostegno del Comune e le prospettive per il 2021.

Abbiamo fatto il punto con Giulio Cavara, presidente di Federalberghi Verona, in merito alla situazione attuale del comparto turistico, alle prospettive future e agli aiuti ricevuti dallo Stato e dal Comune di Verona.

Leggi anche: Volotea4Veneto, il concorso che promuove la cultura per rilanciare il turismo

Da un punto di vista economico, com’è stato il 2020 per il settore del turismo?

Il 2020 è stato un anno drammatico, purtroppo. Il settore del turismo, come molti sanno, è il settore più penalizzati e colpito dalla pandemia. Già a febbraio 2020 abbiamo iniziato a chiudere le nostre strutture per mancanza di clientela. La nostra categoria non è mai stata obbligata dai Dpcm a chiudere, contrariamente ad altri codici Ateco, ma abbiamo chiuso per mancanza di clienti. È stata una decisione molto sofferta, dettata da motivi economici. Tenere una struttura alberghiera aperta ha dei costi molto importanti. La nostra è stata una scelta dettata dal fatto che la gente non si è mossa, sono state applicate restrizioni che hanno portato a un grave contraccolpo. L’85% degli alberghi ha chiuso a fine febbraio per riaprire a luglio: abbiamo lavorato fino a ottobre, seppur molto male. Mancava la stagione lirica e Verona ha conseguentemente perso molto appeal. Lodevole è stata l’iniziativa di Fondazione Arena di realizzare 11 rappresentazioni in Arena: una scelta di grande coraggio, ma di fatto non ha movimentato la nostra stagione estiva. Gli alberghi hanno poi richiuso a fine ottobre e ora ci troviamo ad aprile ancora chiusi. È una situazione drammatica. 

Quali incentivi ha messo in campo lo stato?

Gli incentivi finora erogati sono stati estremamente insufficienti. Sulla base del fatturato perso, siamo nell’ordine di un 2% quando va bene. Sono stati degli aiuti che non hanno coperto nemmeno le spese delle utenze. I Paesi europei hanno supportato le imprese in maniera diversa. Dobbiamo considerare i cali di fatturato, per erogare i ristori, soprattutto nel caso dell’alberghiero. I ristori andavano inoltre elargiti proporzionalmente a questi cali di fatturato: ci sono città d’arte, tra cui Verona, che hanno subito perdite gravissime, e altre località in cui la perdita è stata più contenuta. Si fa un gran parlare di miliardi di euro, ma alla fine quello che conta per il singolo imprenditore è ciò che arriva nel conto corrente: sono stati risultati molto deludenti. Aspettiamo fiduciosi, però.

Cos’ha fatto il Comune di Verona per la categoria?

Il Comune di Verona non ha fatto direttamente niente, ma va detto che il nostro Primo Cittadino ha confermato che metterà in campo tutte le risorse possibili per salvare gli asset economici fondamentali della nostra città: l’aeroporto Catullo, la Fondazione Arena e la Fiera di Verona. Avendo avuto queste ultime delle fortissime perdite di bilancio, vanno ricapitalizzate. Questo ci ha molto consolato. Senza questi tre asset, da sola Verona non va da nessuna parte, turisticamente parlando.

Come si prospetta il 2021?

Il 2021 si prospetta un anno estremamente complicato, forse peggio del 2020. L’anno scorso abbiamo avuto quattro mesi estivi, seppur molto difficili. Quest’anno siamo ancora chiusi e le prospettive di riapertura ci saranno quando verranno allentate le restrizioni. è chiaro che tutto dipende dal piano vaccinale, che sembra non progredire come dovrebbe. I nostri Paesi competitor stanno andando avanti molto più di noi. Fino a quando non andremo avanti con i vaccini, non sarà pensabile riaprire. I presupposti per la ripartenza sono dunque un piano di vaccinazione molto più veloce, perché noi siamo pronti da un punto di vista di sicurezza. Le nostre strutture rispettano già dei rigidi protocolli sanitari, ma occorre mettere le persone nella condizione di poter viaggiare in sicurezza.

LEGGI LE ULTIME NEWS DI ECONOMIA

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO ULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM