Cattolica, Boscaini: «Questa operazione è uno scempio»

«Siamo qui oggi perché Cattolica è stata svenduta a Generali. Ritengo che sia un'opa mascherata, perché Generali entra nella gestione della compagnia, al prezzo di 350 milioni» afferma Paola Boscaini, del Patto di Sindacato "Le Api".

Presentata oggi a Verona “Casa Cattolica“, il coordinamento delle realtà che temono la svendita di Cattolica Assicurazioni e il conseguente impoverimento del tessuto socio-economico di Verona. Un fronte comune fra associazioni dei soci, risparmiatori, imprese e rappresentanti della politica.

«Siamo qui oggi perché Cattolica è stata svenduta a Generali. Ritengo che sia un’opa mascherata, perché Generali entra nella gestione della compagnia, al prezzo di 350 milioni» afferma Paola Boscaini, del Patto di Sindacato “Le Api”. «Il patto di sindacato sarà sempre più importante, soprattutto se ci sarà la trasformazione in spa».

«Tutto il consiglio di amministrazione è responsabile di questo scempio, che toglierà a Verona l’ultimo baluardo economico che era rimasto in città».