Caldo, cavallette e cimici invadono città e campagne

cimice asiatica vespa samurai veneto

Coldiretti lancia l’allarme per l’arrivo in Italia della “cimice marmorata asiatica”

Non solo le cavallette nelle campagne di Nuoro in Sardegna, con il caldo improvviso si sta verificando una vera invasione di sciami di cimici che si stanno moltiplicando nel nord Italia, costringendo anche nei centri abitati i cittadini a barricarsi in casa con porte e finestre chiuse, mentre nelle campagne si contano i danni provocati da questi insetti insaziabili che stanno colpendo meli, peri, kiwi, ma anche su peschi, ciliegi, albicocchi e piante da vivai con danni che possono arrivare fino al 40% dei raccolti nei terreni colpiti.

È l’allarme lanciato dalla Coldiretti per l’arrivo in Italia della “cimice marmorata asiatica”, particolarmente pericolosa per l’agricoltura perché prolifica con il deposito delle uova almeno due volte all’anno con 300-400 esemplari alla volta che con le punture rovinano i frutti rendendoli inutilizzabili, col rischio di compromettere seriamente parte del raccolto.

«La situazione – sottolinea la Coldiretti – è difficile in tutto il Nord, dal Friuli al Veneto, dalla Lombardia all’ Emilia Romagna fino in Piemonte. La diffusione improvvisa di questi insetti che non hanno nemici naturali  è stata favorita dalle alte temperature. La lotta in campagna per ora può avvenire solo attraverso protezioni fisiche come le reti a difesa delle colture».

Per contrastare la proliferazione dell’insetto alieno è importante proseguire a marcia spedita con la ricerca per interventi a basso impatto ambientale, attività già avviata con importanti centri universitari. La Commissione Agricoltura del Senato ha approvato all’unanimità ad aprile una risoluzione contro l’invasione della cimice asiatica che impegna il governo ad approvare rapidamente il decreto ministeriale per l’immissione di specie e popolazioni non autoctone di organismi antagonisti di insetti alieni nel territorio italiano e ad accelerare le altre fasi dell’iter per autorizzare l’uso della vespa samurai, antagonista naturale della cimice.

Coldiretti pertanto chiede che sia data la massima priorità ad accelerare quanto più possibile le fasi dell’iter di autorizzazione in modo da consentire l’azione in campo contro la cimice asiatica già durante la campagna agricola 2019. Se le cimici provocano vere stragi delle coltivazioni, per l’uomo, oltre al fastidio provocato dagli sciami che si posano su porte, mura delle case e parabrezza delle auto, l’unico pericolo è quello di restare vittima del cattivo odore che gli insetti emanano se schiacciati.

Il nome scientifico è Halyomorpha halys, o cimice marmorata ed è un insetto originario dall’Asia orientale, in particolare da Taiwan, Cina, Giappone. Gli studiosi la definiscono una varietà estremamente polifaga che si nutre di un’ampia varietà di specie coltivate e spontanee. La cimice asiatica solo l’ultimo dei parassiti alieni che con i cambiamenti climatici hanno invaso l’Italia, provocando all’agricoltura e alle grandi coltivazioni di soia e di mais nel nord Italia danni stimabili in oltre un miliardo.

«Siamo di fronte – conclude la Coldiretti – ai drammatici effetti dei cambiamenti climatici che si manifestano con una tendenza al surriscaldamento che si è accentuata negli ultima anni ma anche con il moltiplicarsi di eventi estremi, sfasamenti stagionali e precipitazioni brevi ed anche l’aumento dell’incidenza di infezioni fungine e dello sviluppo di insetti che colpiscono l’agricoltura».

Con una crescita record del 282% negli ultimi dieci anni sono oltre 4 mila le imprese italiane in prima linea contro l’invasione di cimici, cavallette, zanzare e scarafaggi favorita dal caldo improvviso di questi giorni. E’ quanto emerge da una analisi di Uecoop, l’Unione europea delle cooperative, su dati della Camera di commercio di Milano Lodi e Monza.

«I cambiamenti climatici hanno estremizzato gli sblazi di temperatura – spiega Uecoop – e le città imprigionate in vere e proprie bolle di calore rappresentano l’ambiente ideale per la proliferazione di insetti di ogni tipo, ai quali si aggiungono specie esotiche arrivate negli anni da paesi stranieri che non hanno in Italia nemici naturali».

«Per arginare il fenomeno negli ultimi dieci anni sono quadruplicate le squadre che si occupano di disinfestazione – prosegue Uecoop – di cui la metà proprio nelle regioni del nord. Il problema ormai non riguarda più solo le campagne e le coltivazioni, ma sta dilagando anche nelle città con veri e propri sciami che tappezzano i muri o che si infilano in finestre, tende, tapparelle oppure con le zanzare che con la stagione calda proliferano in tombini e ristagni d’acqua».