Bonus Terme. Margherita De Angeli: «Un’operazione interessante»

La direttrice generale di Terme di Sirmione Spa, ospite di Verona Economia, ha fatto il punto sul momento di ripresa dell'azienda impegnata su più fronti: sanitario, del benessere psicofisico e dell'ospitalità, commentando anche l'introduzione del Certificato verde e del Bonus da 200 euro.

Direttrice, questo bonus arriva in un momento di ripresa per il settore. Qual è la vostra prima impressione, come avete accolto questa manovra del governo?

È sicuramente un’operazione interessante che restituisce visibilità al ruolo che le terme possono operare all’interno della salute. Sicuramente non è un’operazione strutturale che cambierà il destino delle terme, però è una buona operazione di marketing e di comunicazione.

Ricordiamo che Terme di Sirmione è un’azienda molto articolata che va dal filone della salute e benessere, alla cura del corpo, passando dalla ricettività con quattro strutture alberghiere fino ai prodotti a base di acqua termale. Alcune delle vostre attività, in realtà, non si sono mai fermate, nemmeno durante i mesi più difficili.

Per noi l’ultimo anno e mezzo, due, sono stati molto pesanti, con tutte le limitazioni, in primisi quelle legate agli spostamenti. Non abbiamo mai fermato la componente della salute, salvo proprio per il mese di marzo del 2020, e sono migliorate le vendite dei nostri prodotti a marchio, sul sito, grazie l’e-commerce. Al di là di questo, tutta la parte di incoming all’interno delle strutture alberghiere, all’interno di Aquaria, sono state fortemente penalizzate sia durante il lockdown che dopo a causa anche dei limiti e dei vincoli che ancora oggi dobbiamo attuare.

Ricordiamo che Aquaria faceva, prima dell’emergenza, quasi 200mila ingressi all’anno. Immaginiamo che sia stata fortemente falcidiata questa statistica nel periodo di emergenza.

Nel 2020 Aquaria è stata una struttura che è rimasta chiusa per molti mesi quindi siamo abbondantemente scesi sotto la metà delle presenze che avevamo nel 2019, anche nel 2021 abbiamo fatto fatica a ripartire, siamo ripartiti di fatto a pieno regime dopo maggio, per cui limitando fortemente la parte di avviamento e di accoglienza sul primo semestre.

Però c’è da dire che i mesi comunque estivi, a partire da agosto in poi, sono stati molto interessanti dal punto di vista del business, perché insomma le persone sono tornate, vi vogliono bene, non solo i clienti fedeli, ma anche molte persone che hanno voluto godersi questi spazi che mettete a disposizione.

Sì, la sensazione, dopo agosto, è che le persone abbiano voglia di ritornare a fare una vita serena, di prendersi cura di sé, c’è una forte necessità delle persone di prendersi dei momenti di cura, di self-care, di stare bene anche alla luce dei due anni che sono stati chiaramente molto pesanti per tutti. In questo senso le strutture termali ricettive, sia con la loro componente della salute più tradizionale, sia con la componente del benessere, sono forse luoghi elettivi dove ricominciare la presa in carico di sé.

Sappiamo che fate anche molti corsi rigenerativi per la mente, non solo per il corpo.

Sì infatti. Il benessere mentale è uno dei trend del mercato del benessere oggi, questi due anni hanno compromesso fortemente l’equilibrio mente-corpo nelle persone, quindi noi cerchiamo di offrire momenti in cui si riparte proprio questo equilibrio e da una serenità interiore.

Margherita De Angeli

C’è però un paradosso: l’economia ricomincia a funzionare, la struttura funziona, manca però personale. Cosa sta succedendo?

Questo è un argomento centrale. Questi due anni, come dicevo, hanno cambiato molto sia il percepito delle persone sia il set valoriale e noi oggi ci troviamo – ci siamo trovati durante tutta l’estate con quasi l’incapacità di mettere a pieno regime le strutture e l’offerta perché non trovavamo personale, pur assumendo con contratti nazionali, con tutela, con totale rispetto della compliance. È un discorso molto ampio che meriterebbe una puntata a parte.

Terme di Sirmione ha cercato uno sviluppo a 360 gradi in questi anni, addirittura ha acquisito un golf club, perché il benessere passa anche attraverso l’attività fisica, lo sport.

Esatto, la logica con cui abbiamo acquisito il Bogliaco Golf Resort, a Toscolano Maderno, è la logica sinergica della nostra offerta, di ospitalità e di benessere. E il golf come sport che avviene all’interno della natura, in una location meravigliosa come quella che il golf di Bogliaco, uno dei tre golf più antichi d’Italia, in una posizione bellissima, fa parte di un percorso di rigenerazione personale.

Senta guardando un po’ il futuro, e sperando che la situazione sanitaria trovi una stabilità, cosa prevede lo sviluppo aziendale dei prossimi mesi, dei prossimi anni.

Terme di Sirmione è azienda che è molto interessante proprio in questo momento in cui la maggior parte delle strutture sul Garda si apprestano a chiudere. L’azienda sembra intenzionata a proseguire nella propria politica di investimenti nelle infrastrutture, nelle persone e nella creazione e mantenimento di un segmento di mercato, per cui ci apprestiamo a riprendere a pieno regime l’attività dell’azienda ampliando l’offerta tant’è che il 3 e il 4 novembre prossimo venturo faremo un Career Day presso le nostre sedi per l’assunzione di più di 50 persone con diverse professionalità. Il nostro desiderio è di assumerle nella stagione invernale e di formarle, di portare un’organizzazione, di investire continuamente in qualità del prodotto del servizio e di continuare a crescere e di ritornare ai livelli da cui siamo partiti nel 2019.

Per farlo puntate sempre sull’acqua termale che per voi è un elemento imprescindibile.

L’acqua termale è la nostra vita, per noi tutta la nostra offerta, di cura della persona, si basa sulla nostra acqua termale sulfurea salsobromoiodica, che tanto è difficile da pronunciare tanto fa bene al corpo.

Aderirete al Bonus Terme, giusto? Come funziona?

Il Bonus Terme è una operazione per cui le strutture che si accrediteranno entro il 28 ottobre potranno offrire questo bonus di 200 euro ai propri clienti. Noi ci accrediteremo – essendo una struttura ovviamente importante in Italia ed essendo già un presidio anche accreditato col Sistema Sanitario Nazionale – aderiremo alla campagna, metteremo a disposizione dei clienti unform per iscriversi in modo tale che da quando saranno aperte le possibilità di aderire manderemo la richiesta per i clienti che a noi hanno fatto richiesta.

Green Pass, tanto clamore ha destato questa introduzione obbligatoria venerdì 15 ottobre. Cosa ne pensa di questo certificato verde?

È molto contestato e viene visto con estremi, per quanto ci riguarda, con la moderazione che ci caratterizza, noi riteniamo che sia un elemento in più per salvaguardare la sicurezza e la serenità dei nostri clienti.

Immaginiamo che i clienti siano comunque più tranquilli entrando nelle strutture sapendo che comunque c’è un controllo preventivo.

Se sì noi continuiamo a mantenere alto il livello di attenzione e sicurezza dei piani di sanificazione, di misurazione della temperatura, di igiene delle postazioni, rispettiamo molto attentamente le linee guida del comitato tecnico scientifico.

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM