BCC di Concamarise a fianco di Lignum per il rilancio del settore

Banca Veronese Credito Cooperativo di Concamarise ha firmato con il Consorzio di tutela del mobile di Verona “Lignum” un'importante convenzione di durata triennale (2021-2023) che prevede la collaborazione per promuovere il rilancio della cultura del legno e la filiera territoriale del mobile d’arte in Italia e all’estero

Lavorazione tradizionale del mobile.

Una collaborazione triennale per promuovere il rilancio della cultura del legno e la filiera territoriale del mobile d’arte in Italia e all’estero. E’ quella che è stata siglata a metà gennaio tra Banca Veronese Credito Cooperativo di Concamarise e il Consorzio di tutela del mobile di Verona “Lignum”, realtà che hanno sentito entrambe l’esigenza di rilanciare il settore dell’arredamento, tutelando le tradizioni del nostro territorio attraverso una promozione forte e concreta.

Da una parte, quindi, Banca Veronese, la maggiore BCC della provincia di Verona, con 127 dipendenti e 3700 soci; una realtà presente nella provincia e da sempre attenta alle esigenze della comunità, ed in particolare del settore del mobile d’arte, veicolo incontrastato dello sviluppo socio-economico della pianura veronese. Dall’altra parte Lignum, l’ente di Governance riconosciuto dalla Regione del Distretto del mobile di Verona, Padova e Rovigo, che raccoglie una cinquantina tra le aziende più rappresentative di queste provincie e rappresenta una filiera di ben 1207 realtà produttive con 6700 addetti occupati, alle quali offre costantemente attività promozionali e formative, rivalutando il brand territoriale del mobile e la presenza di aziende d’eccellenza stimate nel mondo.

La dichiarazione di Tognetti e Fraccaro

«Per noi il territorio non è solo un concetto geografico ma una realtà sociale, umana e culturale – afferma il presidente della BCC Gianfranco Tognetti. – Nel corso degli anni l’istituto di Concamarise ha contribuito, erogando numerosi contributi, alla realizzazione di svariati progetti, garantendo a molte piccole e medie realtà locali legate al mondo della cultura, della tradizione, delle sport e del sociale di continuare a vivere e programmare attività per lo sviluppo della Comunità. Questa Convenzione dimostra proprio la capacità del modello cooperativo di costruire un rapporto virtuoso tra Banca e Comunità, tra banca ed enti territoriali».

Il Presidente di Banca Veronese Gianfranco Tognetti.

Come spiega Martino Fraccaro, direttore generale di Banca Veronese, «obiettivo della convenzione per la Banca è quello di essere un partner importante per le aziende del mobile: la convenzione con Lignum costituisce una tappa importante della presenza della BCC nel territorio della provincia del Basso Veronese».

L’impegno reciproco

Entrambe le parti si impegneranno a promuoversi vicendevolmente e Banca Veronese sosterrà le attività istituzionali del Consorzio di tutela del Mobile di Verona Lignum con un contributo adeguato. La convenzione è stata firmata lunedì 18 gennaio 2021 alle ore 11.30 presso la Sede Amministrativa di Banca Veronese alla presenza del presidente di Banca Veronese Tognetti, del direttore generale Fraccaro e del direttore commerciale Poli, mentre per Lignum il presidente Piubelli e il vicepresidente Tosato.

La firma tra BCC Concamarise e Lignum

Le dichiarazioni di Piubelli e Tosato

«Lignum è un progetto concreto, l’unico riconosciuto dalla Regione Veneto e apprezzato fuori dai confini regionali e nazionali. Quello di cui abbiamo bisogno per il rilancio del settore del legno/arredo è avere interlocutori che ci aiutino a creare un sistema di sinergie che metta davanti ad ogni altro valore, lo sviluppo del nostro territorio. Il board di Banca Veronese ha dimostrato con i fatti di condividere questa mission e di volersi impegnare concretamente al nostro fianco» dichiara il Presidente di Lignum Paolo Piubelli.

«Questa partnership ha un valore particolare perché tra i suoi punti evidenzia l’importanza di progettualità di forte impatto territoriale, come la creazione del polo formativo legato alla progettazione e alla promozione della filiera legno-arredo. Perché è solo lavorando sulla creazione di competenze giovani e dinamiche che torneremo ad essere al passo con i tempi» conclude il vicepresidente di Lignum Alessandro Tosato.

Grazie a questa sinergia Lignum potrà accrescere il proprio intervento a favore di tutte le aziende del territorio, puntando ad importanti progetti per il 2021-2021 come: la creazione di un programma di formazione o master sul mondo del mobile, la promozione di progetti di comunicazione internazionale e la promozione di percorsi di sensibilizzazione all’acquisto di arredo a Km0.

Una rappresentanza del Consorzio Lignum (Foto Archivio)