Alta velocità: Verona porta verso l’Europa e hub logistico internazionale

Al seminario di oggi organizzato da Euroconference e Ordine degli Ingegneri di Verona, esperti hanno illustrato il progetto nella sua complessità

Zandomeneghi-Giaracuni-Gasaparato-Fasoli-Beschin ordine ingegneri

Una porta verso l’Europa. Verona si prepara con l’alta velocità e il quadruplicamento della linea tra Verona-Fortezza a diventare nodo logistico di riferimento nell’ambito dei trasporti internazionali. Un cambiamento che modificherà il traffico, il territorio scaligero sia comunale che provinciale. Il seminario “Alta velocità Verona-Fortezza: Verona come porta verso l’Europa” organizzato oggi da Euroconference S.p.a. – Centro Studi professioni Tecniche – con il contributo scientifico delle Commissioni Centro Studi Urbanistici e Trasporti e Viabilità dell’Ordine degli Ingegneri di Verona e provincia ha fatto il punto sula tematica con esperti del settore. 

I saluti istituzionali sono stati di Marco Giaracuni, consigliere referente della Commissione Centro Studi Urbanistici dell’Ordine degli Ingegneri di Verona e provincia e di Paolo Pinelli segretario della Commissione Trasporti e Viabilità dell’Ordine. Il moderatore Marco Zandomeneghi, ingegnere e coordinatore segretario della Commissione Centro Studi Urbanistici dell’Ordine Ingegneri di Verona e Provincia ha evidenziato: «Abbiamo collaborato all’organizzazione di questo seminario per far conoscere il progetto nella sua complessità, lo stato di avanzamento dei lavori e le prospettive future della nostra città e provincia con la realizzazione della linea ferroviaria dell’alta velocità tra Verona e Fortezza».  

LEGGI ANCHE: Zanzare: nelle farmacie veronesi il kit antilarvale a prezzo calmierato

Presente all’incontro, l’Ingegnere Damiano Beschin di RFI, Responsabile Progetti Brennero, che ha sottolineato l’importanza degli interventi di potenziamento previsti per il quadruplicamento della Fortezza–Verona, opera ritenuta di rilevanza strategica perché complementare alla futura Galleria di Base del Brennero che, una volta a regime, garantirà un incremento della capacità della linea stimato in +400 treni al giorno. 

A seguire, Michele Fasoli, ingegnere e dirigente del settore Mobilità e Traffico del Comune di Verona ho illustrato i cambiamenti della mobilità lungo la tratta e non solo.  

Dal punto di vista tecnico, il seminario è stato l’occasione per fare un focus sulle opere civili che fanno parte del progetto a partire dall’interramento di una porzione della linea ferroviaria, che interessa il Comune di Verona, alla realizzazione della nuova stazione di S. Massimo. Questa infrastruttura andrà a collegarsi direttamente alla Galleria di Base del Brennero, definendo un tassello fondamentale del collegamento tra Verona e Monaco. 

LEGGI ANCHE: Al Consorzio ZAI il Premio Verona Network 2024

Matteo Gasparato, presidente Consorzio ZAI e Unione Interporti ha dichiarato «La tratta ad alta velocità Verona-Fortezza è un collegamento che rafforza ulteriormente i legami di Verona con le grandi città europee».

«La nuova connessione – ha affermato Gasparato – promuoverà la competitività dell’Interporto Quadrante Europa di Verona e contribuirà a consolidare la sua posizione di hub logistico di riferimento nell’ambito dei trasporti internazionali. La nostra città ha una rilevanza cruciale come polo logistico centrale, posizionato strategicamente sui tre principali corridoi di rete transeuropea (TEN-T). Il nuovo collegamento con il Brennero è un grande tassello che si aggiunge ad una serie di importanti interventi terminalistici di ultimo miglio in corso in vari Interporti del Nord Italia (come Bergamo, Brescia e Milano) sotto la supervisione di RFI». Gasparato ha poi sottolineato come tali miglioramenti infrastrutturali riducano significativamente la necessità di istituire nuovi interporti, poiché andrebbero a potenziare l’efficienza complessiva del sistema logistico.

«L’alta velocità – ha affermato Gasparato – permetterà di raggiungere le destinazioni dell’Europa centrale in minor tempo, riducendo significativamente le tempistiche di trasporto ed efficientando le operazioni di distribuzione. Verona vuole mantenere i primi posti della classifica degli Interporti europei, ponendosi come polo attrattivo per futuri investimenti». 

La Vicepresidente Autostrada del Brennero Alessia Rotta ha illustrato come l’Autostrada del Brennero, con i suoi 314 chilometri dal Brennero a Modena rappresenti solo il 5% della rete autostradale italiana, ma sia sicuramente una delle più importanti. «Dal Brennero transita circa il 10,5% dell’intero import-export nazionale e ogni anno è attraversata da 70 milioni di veicoli. Per ridurre l’impatto ambientale e garantire al contempo alti standard di sicurezza, la Società ha adottato soluzioni ingegneristiche all’avanguardia e negli anni materiali performanti e rispettosi dell’ambiente».

«L’intero insieme di questi e altri interventi (il progetto di ristrutturazione in chiave green delle aree di servizio, la realizzazione della terza corsia senza consumo di suolo e della terza corsia dinamica ad esempio) sono compresi nel piano da 7,2 miliardi di investimenti con cui Autostrada del Brennero punta a trasformare l’A22 nel primo Green Corridor Europeo».

«Oggi, infatti, non si parla più solo di autostrada ma di corridoio: ossia di autostrada e ferrovia insieme, pensate come un sistema unico e integrato. Grazie al Tunnel di Base del Brennero le capacità della linea ferroviaria aumenteranno di 60-90 treni al giorno. Treni che, eliminato l’ostacolo delle pendenze, potranno essere più lunghi e trasportare il 20% di merci in più. Inoltre, per il traffico ferroviario merci lungo il Brennero si prevede un aumento del 2,2% annuo fino al 2035 guidata dall’apertura della galleria di base del Brennero, dal potenziamento dei porti di Venezia, Genova e La Spezia, dall’aumento della capacità ferroviaria in Germania e dalle limitazioni del traffico autostradale per i mezzi pesanti. La prospettiva è di passare dalle attuali 57 milioni di tonnellate di merci annue attraverso il passo a 86 milioni, dall’attuale 30% di merci trasportate su ferro al 60% circa».

LEGGI ANCHE: Installato a Verona un sistema di irrigazione degli alberi con sacchi di acqua