Agricoltura, attivate le procedure di rimborso per il maltempo dell’1 settembre

maltempo in veneto

Le piogge dello scorso 1 settembre in provincia di Verona hanno causato danni all’agricoltura, da Soave a Negrar a Monteforte d’Alpone, superiori al 30 per cento della produzione lorda vendibile. Per le zone colpite richiesto l’intervento del Fondo per le imprese agricole danneggiate.

Si sono conclusi i sopralluoghi e le verifiche dei tecnici dello sportello interprovinciale di Avepa, Agenzia veneta per i pagamenti in agricoltura, nei territori colpiti dal maltempo dell’1 settembre. La Giunta regionale del Veneto, su proposta dell’assessore all’agricoltura Giuseppe Pan, ha quindi individuato le zone dei comuni veronesi più colpiti e inoltrato al Ministero per le politiche agricole la declaratoria di eccezionale evento atmosferico, così da attivare le procedure del Fondo di solidarietà nazionale per le imprese agricole danneggiate.

I comuni interessati sono Colognola ai Colli, Cazzano di Tramigna, Illasi, Mezzane di Sotto, Montecchia di Crosara, Monteforte d’Alpone, Negrar, San Pietro in Cariano, Soave e Verona, per le località Parona, Quinzano, Avesa, Quinto e Mizzole.

Le domande di intervento potranno essere presentate all’Avepa – Sportello unico agricolo interprovinciale di Verona e Vicenza, sede di Verona, entro giorni 45 dalla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del decreto di declaratoria dell’esistenza di eccezionale avversità atmosferica.