Aeroporto Catullo, approvato il bilancio 2019

Approvato il bilancio di esercizio per il 2019. La società conferma, inoltre, che l’aeroporto di Verona è pronto per la ripartenza in totale sicurezza già nelle prossime settimane.

L’Assemblea di Catullo, società di gestione degli Aeroporti di Verona e Brescia, ha approvato il Bilancio d’Esercizio al 31 dicembre 2019, che segna il record del traffico passeggeri della storia della Società. Il totale dei ricavi ha toccato quota 50,9 milioni, con un utile netto di 2,4 milioni (+9 milioni rispetto al 2018).

Da parte dei soci è stata espressa unanime soddisfazione per gli ottimi risultati ottenuti con il contributo del socio industriale Save, unitamente all’auspicio che l’attuale situazione di crisi del trasporto aereo possa presto essere superata.  

La società conferma che l’aeroporto di Verona è pronto per la ripartenza in totale sicurezza già nelle prossime settimane.  

L’aeroporto di Verona nel 2019 ha gestito 3.638.088 di passeggeri, registrando un incremento del + 5,2%, superiore alla media nazionale che è stata del +4%.

L’offerta posti è aumentata del 3,6% rispetto al 2018 e il load factor è stato pari al 77%, in incremento di un punto sul 2018. Il 2019 ha confermato la vocazione internazionale dello scalo, con 2,3 milioni di passeggeri che hanno volato da e per destinazioni internazionali, in crescita del 3% rispetto all’anno precedente. La componente nazionale, con 1,3 milioni di passeggeri, è cresciuta del 10%. 

Il Catullo, che con la crisi conseguente alla diffusione del coronavirus è chiuso ai voli commerciali fino al 17 maggio, come da Decreto del Ministero dei Trasporti del 5 maggio, è comunque già pronto per ripartire, con misure che garantiscono la sicurezza della salute di passeggeri e operatori e comprendono, tra le altre, l’utilizzo di termoscanner e la ridefinizione degli spazi in considerazione dell’obbligo di distanziamento tra persone. La Società è in costante dialogo con tutti i vettori che volano sull’aeroporto per la ripartenza del traffico in condizioni di piena sicurezza. 

L’aeroporto di Brescia Montichiari ha movimentato 30.695 tonnellate di merci nel 2019, in aumento del +29,1% rispetto al 2018, a fronte di una media nazionale che è diminuita del -3,2%. Attualmente lo scalo è aperto solo al traffico merci e sta registrando valori importanti, con 2.479 tonnellate movimentate a marzo (+ 19,1%), grazie al ‘traffico e-commerce’ di Poste Italiane e Dhl Express, a fronte di una media nazionale in diminuzione del -33,9%.

Nel periodo gennaio-marzo, il traffico merci di Brescia è stato di 8.549 tonnellate, con una crescita del +41% rispetto allo stesso periodo del 2019, a fronte di una media nazionale in decremento del -13,5%.