Vespri d’organo in cattedrale

La promozione della cultura musicale e la valorizzazione degli strumenti storici in una rassegna che vedrà protagonisti studenti e docenti del nostro Conservatorio, con primo appuntamento il prossimo 2 febbraio alle ore 17.30 nella Cattedrale di Santa Maria Assunta, Duomo di Verona.

Questa mattina,  presso la sede della Fondazione Cariverona si è tenuta la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa Vespri d’Organo in Cattedrale, la nuova collaborazione avviata con il Conservatorio Statale di musica Dall’Abaco di Verona e la Parrocchia della Cattedrale di Verona Santa Maria Assunta, per proseguire il già consolidato rapporto di promozione della cultura musicale e la valorizzazione degli strumenti storici.

Il primo evento, in calendario il prossimo 2 febbraio, vedrà protagonista il Maestro Umberto Forni, titolare della cattedra di organo presso il Conservatorio di Verona.  La rassegna oltre all’esaltazione del patrimonio organaro, attraverso la ricostruzione filologica di un Antegnati operata da Formentelli, vuole valorizzare la figura dell’organista ed i percorsi formativi offerti dal Conservatorio.

Fondazione Cariverona da sempre sostiene iniziative culturali in ambito artistico e attività che valorizzino gli strumenti musicali e nel tempo si è impegnata al recupero di oltre 20 organi storici costruiti tra il ‘600 e ’800, tra cui appunto l’organo Antegnani restaurato ad inizio anni ’90, arricchendo così il patrimonio culturale di Verona.

I cinque appuntamenti delle meditazioni musicali avranno come protagonisti accademici dell’Ateneo musicale veronese, che potranno così cimentarsi nell’esecuzione pubblica di un repertorio musicale da concerto.

I successivi appuntamenti valorizzeranno i percorsi formativi intrapresi nei corsi d’organo con allievi iscritti ai corsi accademici.Tutti gli appuntamenti si terranno presso la Cattedrale di Verona alle ore 17.30 e avranno la durata di un’ora circa. L’ingresso agli eventi è libero fino ad esaurimento posti. La rassegna continuerà poi con altri sei appuntamenti in corso di calendarizzazione a partire dal prossimo maggio.