Un pomeriggio per conoscere le pievi della Valpolicella

L’appuntamento di domenica rientra nell’ambito delle iniziative culturali Scoprendo la (s)conosciutissima Verona.

L’associazione Guide Center Verona organizza la passeggiata culturale “Le pievi della Valpolicella”. Questa volta le guide propongono un’uscita fuori dalle mura cittadine, per iniziare a scoprire anche la provincia di Verona. Si parte alle 15.00 di domenica 5 maggio alla volta di San Giorgio Ingannapoltron, per poi spostarsi a San Floriano, nel comune di San Pietro in Cariano.

La pieve romanica di San Giorgio Ingannapoltron risale al 712 d.C. e sorge presumibilmente sulle rovine di un preesistente tempio pagano eretto dagli Arusnati. All’interno sono conservati un antico ciborio longobardo scolpito da Maestro Orso e dai suoi discepoli nel VI sec. d.C., e affreschi del XII e XIII secolo. Contiguo alla Pieve troviamo intatto il chiostro del XII secolo e un piccolo museo che conserva numerosi reperti preistorici.

La pieve di San Floriano, nominata per la prima volta in un documento del 905, è sorta probabilmente sul luogo di una più antica pieve longobarda e per secoli è rimasta la pieve parrocchiale più importante della zona. La sua struttura a tre navate ingloba ampi brani di costruzioni romane e presenta una bellissima facciata in tufo.

È prevista anche la visita all’oratorio di san Zeno in Poja, una piccola chiesetta a Sant’Ambrogio di Valpolicella, voluta dalla stessa popolazione per devozione al santo patrono veronese.

Per informazioni sul programma della giornata e sulle modalità di partecipazione visita il sito veronaguide.it