Un pellegrinaggio urbano tra natura e cultura

verona minor hierusalem verona tessile pellegrinaggio urbano

Oltre cento “pellegrini urbani” oggi per “Laudato si’”, il percorso nato dalla collaborazione fra Verona Minor Hierusalem e Verona Tessile.

Sono stati 110 i turisti e i veronesi che oggi pomeriggio, sabato 27 aprile, hanno vissuto un singolare binomio tra arte e cultura nel percorso “Laudato si’, le meraviglie di un pellegrinaggio tra natura e cultura. Un itinerario tra arte e spirito” realizzato da Verona Minor Hierusalem in collaborazione con Verona Tessile.

«In sinergia con Verona Tessile, Verona Minor Hierusalem ha proposto un percorso per valorizzare l’aspetto armonico e naturalistico legato all’arte che suscita un atteggiamento di contemplazione – spiega il biblista don Martino Signoretto – riassunto nella lode di Francesco Laudato si’. Abbiamo sottolineato il rapporto tra tessitura, ricamo e armonia cosmica, dall’Eden biblico in cui Dio dona un vestito all’uomo e alla donna alla veste che San Paolo eredita dal primo martire Santo Stefano, al futuro giardino che ci attende dopo la morte quando saremo rivestiti di luce».

«Con Verona Tessile è nata una bella iniziativa quest’anno collegata al loro concorso Laudato si’ – spiega Paola Tessitore, direttrice di Fondazione Verona Minor Hierusalem – abbiamo pensato a una passeggiata culturale dove alcuni dettagli delle opere d’arte presenti nelle chiese sinistra Adige richiamano la bellezza del Creato. Nell’occasione sono state esposte cinque opere tessili fuori concorso realizzate con colori e tessuti suggestivi dalle artiste della Rassegna Internazionale».

Il percorso urbano è stato organizzato dalla Fondazione Verona Minor Hierusalem promossa dalla Diocesi di Verona e sostenuta dal Banco BPM, da Cattolica Assicurazioni e, in riferimento al Bando Valore Territori, dalla Fondazione Cariverona.

I partecipanti sono partiti dall’Infopoint (Chiesa di San Pietro Martire). Dopo la visita delle chiese di Santi Siro e Libera (dentro il Teatro Romano) e Santa Maria in Organo hanno passeggiato nella “Verona Alta”: Castel San Pietro, Fontana di Ferro, con successiva tappa alla chiesa di Santo Stefano.

Prossimo evento per la città: da domenica 5 maggio, cinque messe internazionali in cinque lingue con concerti ante o post missam fino al 2 giugno, tra S. Tomaso Cantuariense e S. Maria in Organo.