Trasferita la scultura “La Madre” donata al Comune

La scultura "La Madre", donata al Comune di Verona, è stata trasferita all'Accademia delle Belle Arti. Potrebbe essere un'opera del celebre artista Ruperto Banterle.

L’opera “La madre”, probabilmente riconducibile all’artista veronese Ruperto Banterle, è entrata a far parte della collezione dei Musei civici veronesi. La scultura, oggetto di donazione da parte della famiglia Finotti alla Galleria d’Arte Moderna Achille Forti, è stata trasferita da una residenza privata al Chievo al Laboratorio di Restauro dell’Accademia di Belle Arti di Verona, dove sarà effettuato l’intervento di sistemazione da parte degli studenti.

L’opera, in fase di attribuzione allo scultore veronese, potrebbe essere l’unica scultura superstite delle quattro realizzate tra il 1934 e il 1939, andate distrutte nei bombardamenti tedeschi durante la ritirata del 25 aprile 1943. Il quartetto di statue “strache”, così definite dai cittadini per la loro posizione distesa, adornavano gli angoli del ponte Garibaldi.

“La Madre”, appartenente ai fratelli Marco e Massimiliano Finotti, potrebbe, così, aggiungersi alle già famose opere di Banterle presenti a Verona, quali “Testa Ritratto di Lionello Fiumi”, “Anelito fuggente” e “Bozzetto del monumento di L. Fiumi” donate e conservate nei musei del Comune di Verona.

Un arricchimento del patrimonio artistico veronese frutto di un vero e proprio lavoro di squadra, iniziato nel 2016 con la ricerca delle sculture da parte del gruppo “I ragazzi della via Paal”, composto da Massimo Rosa, Francesco Tirozzi, Fabrizio Sordi e Luigi De Paoli.