In Capitolare le rappresentazioni di Verona nei secoli

Sabato 4 e domenica 5 maggio presso la biblioteca Capitolare di Verona sarà possibile visitare l’esposizione temporanea di opere antiche raffiguranti la città di Verona e i suoi monumenti.

L’evento “L’iconografia rateriana e le rappresentazioni di Verona nei secoli” è in collaborazione con Fondazione Discanto e con il patrocinio del comune di Verona. L’esposizione parte da una preziosa immagine che ci restituisce l’aspetto della città nell’alto medioevo, per poi proseguire alla scoperta delle rappresentazioni di Verona nei secoli successivi.

L’Iconografia Rateriana è la più antica rappresentazione grafica di Verona. Venne fatta realizzare dal vescovo Raterio nel X secolo e portata al monastero di Lobbes quando lasciò la città. L’originale è andato perduto alla fine del Settecento, tuttavia in biblioteca ne è conservata una copia fedele commissionata da Scipione Maffei, illustre dotto veronese.

L’Iconografia rappresenta un’immagine ideale di Verona, evocativa di ciò che la città rappresentava nell’immaginario di un uomo di cultura del X secolo. Al centro viene rappresentato il fiume Adige e Ponte Pietra, ai margini di questi il Teatro Romano, l’Arena e diverse altre strutture.

In entrambe le giornate sono previsti un turno di visite guidate al mattino (11.30) e un turno il pomeriggio (16.00) al prezzo di 10 euro. Nelle fasce orarie 10.30-11.30 e 12.30-15.00 sarà invece possibile accedere all’esposizione senza guida al prezzo di 5 euro.