Giotto, spiegato dagli studenti

Fino al 6 maggio saranno gli studenti delle scuole veronesi a fare da ciceroni alla mostra “Giotto. La cappella degli Scrovegni”, ospitata  nella Chiesa di San Pietro in Archivolto. L’iniziativa è stata pensata dall’associazione Rivela ed è un’anticipazione del Festival Biblico

Gli affreschi della cappella degli Scrovegni di Giotto fanno tappa a Verona nella Chiesa di San Pietro in Archivolto. A raccontare l’arte del pittore saranno quest’anno anche gli studenti di cinque scuole veronesi che hanno aderito all’iniziativa pensata dall’associazione Rivela. Una quarantina gli studenti dell’istituto tecnico Marco Polo, l’Educandato Agli Angeli, il liceo artistico Nani-Boccioni, e il liceo Montanari, che attraverso delle riproduzioni fotografiche in scala 1:4 faranno da ciceroni ai visitatori fino al 6 maggio

La mostra itinerante “Giotto. La cappella degli Scrovegni” anticipa il Festival Biblico che ogni anno ospita le mostre dell’associazione Rivela.

Un progetto che diventa un’opportunità per gli studenti, che possono mettere in pratica le conoscenze acquisite sui banchi di scuola.