Il “Genio e la follia” tra psicanalisi e arte

Saranno le “Anomalie eccelse” di Massimo Recalcati a indagare il tema della rassegna Idem su “Genio e follia”. L’appuntamento è per stasera alle 21 al Teatro Filarmonico.

Psicanalisi e arte sono destinate ad intrecciarsi stasera, alle 21 al Teatro Filarmonico, nel nuovo appuntamento della rassegna Idem su “Genio e follia”. A traghettare gli spettatori nel lato psicologico dell’arte sarà il celebre psicoanalista Massimo Recalcati che, con il suo Anomalie eccelse, proporrà un’inedita riflessione, da Freud a Nietzsche passando per le opere di Van Gogh, indagando l’origine dello sgomento provocato da capolavori archetipi, l’ossessiva spinta verso l’assoluto in una dimensione estrema in cui l’artista si inoltra in zone oscure dell’esistenza, tra forma e informe, a rischio della vita.

Massimo Recalcati, noto psicoanalista, scrittore e comunicatore, all’attività scientifica e saggistica affianca incontri e interventi su temi d’attualità di taglio psicologico e sociologico. Professore di Psicopatologia del comportamento alimentare all’Università di Pavia e Psicoanalisi e scienze umane all’Università di Verona, è fondatore di “Jonas Onlus: centro di clinica psicoanalitica per i nuovi sintomi”.

I successivi appuntamenti della rassegna sono il 28 gennaio con Gianni Canova sull’estetica dell’angoscia nel cinema di Hitchcock e il 18 febbraio con Vittorio Sgarbi su sconvolgenti visioni di letterati e artisti.

L’ingresso al teatro fino alle 20.55 è riservato ai soci Idem. È possibile aderire all’associazione presso la Libreria Antiquaria Perini, il Verona Box Office, tramite il sito www-idem-on.net o in teatro la sera dell’incontro.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.