Fondazione Arena, il Pd incontra i sindacati

Parlamentari e consigliere regionale del Pd chiedono la convocazione di un Consiglio di indirizzo aperto di Fondazione Arena per comprendere quali azioni siano state fatte finora e cosa resta da fare per salvare l’ente.

Ieri mattina una delegazione del Partito democratico, con i deputati Diego Zardini, Alessia Rotta, il senatore Vincenzo D’Arienzo e la consigliera regionale Orietta Salemi, ha incontrato i sindacati dell’ente. Cresce infatti la preoccupazione per il futuro della Fondazione Arena, soprattutto per l’emendamento alla legge di bilancio presentato dal governo. Il provvedimento impone un’interpretazione restrittiva della legge Bray e rischia di penalizzare in particolare la Fondazione Arena.

“Rispondiamo all’appello dei sindacati e alle preoccupazione per il futuro”, spiegano gli esponenti democratici al termine dell’incontro. “Il piano di rilancio pensato dal commissario per adempiere alla legge Bray non sembra corrispondere alle aspettative create e pagate con i sacrifici dei lavoratori. A conti fatti il piano non va nella direzione giusta, tanto più che molti dei nodi storicamente aperti non sono stati risolti: i rapporti con la società Arena di Verona srl che si occupa delle attività extra lirica, i rapporti con il museo Amo e in particolare la patrimonializzazione della Fondazione”.

Con la legge Bray, lo Stato ha investito oltre 8 milioni di euro per il rilancio della Fondazione Arena. “Nonostante l’apertura di credito da parte dei sindacati e dello Stato alla nuova gestione”, riportano Alessia Rotta e Diego Zardini, “siamo nuovamente in una situazione molto difficile. Chiediamo di incontrare il presidente della Fondazione e un consiglio di indirizzo aperto con la partecipazione dei parlamentari e dei consiglieri regionali per capire cosa bisogna fare per garantire il futuro della Fondazione”.

Purtroppo al momento, sottolineano D’Arienzo e Salemi, “l’attuale ministro non ha ancora incontrato i lavoratori nonostante le ripetute richieste di un confronto”.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.