Vinitaly: Veneto protagonista nello stand di Confagricoltura

Sostenibilità e boom del Prosecco saranno tra i temi principali degli eventi organizzati nello stand di Confagricoltura al Vinitaly, da domenica 9 a mercoledì 12 aprile. L’associazione sarà presente con un proprio stand per tutta la durata della manifestazione, ospitando convegni e degustazioni.

Il giorno dell’inaugurazione, domenica 9 aprile, primattore sarà il Prosecco, insieme ai vini del Piemonte, nella degustazione Le grandi bollicine a cura di Andrea Soffiati, Ais Veneto, che accompagnerà la presentazione del nuovo presidente nazionale di Confagricoltura (sarà eletto domani a Roma), che incontrerà i vertici della Fiera di Verona.

Lunedì 10 aprile, alle 13, incontro tra le regioni Veneto e Piemonte con gli assessori all’Agricoltura delle due Regioni, Giuseppe Pan e Giorgio Ferrero, e i presidenti regionali di Confagricoltura, Lodovico Giustiniani e Paolo Coscia, con una panoramica a 360 gradi sui temi dell’agricoltura: dal Piano di sviluppo rurale ai pagamenti Pac, dalla promozione alla crisi che ancora attanaglia molti settori.

Martedì 11 aprile sarà di scena, alle 11, la tavola rotonda dal titolo La nuova frontiera del vino: la sostenibilità a 360° con il giornalista e scrittore Andrea Scanzi e la partecipazione di Innocente Nardi, presidente del consorzio di tutela Conegliano Valdobbiadene docg, Christian Marchesini, presidente del Consorzio vini Valpolicella e Giorgio Tommasi, presidente del consorzio di tutela Custoza doc. Si parlerà delle iniziative che hanno posto il Veneto all’avanguardia nella viticoltura sostenibile, come il marchio “Rrr” apposto sulle bottiglie di Valpolicella dop prodotte in aziende che hanno abbracciato pratiche sostenibili e il protocollo vitivinicolo, introdotto nel 2011 dal Consorzio di tutela Conegliano Valdobbiadene docg, per la gestione sempre più sostenibile del vigneto, anticipando la normativa Ue e sollecitando gli agricoltori ad abbandonare il diserbo chimico.

Mercoledì 12 aprile chiusura con l’evento Comunicare le colline del vino attraverso lo sport: dal riconoscimento Unesco – World Heritage sites a quello di AcesEurope – European community of sport. Due casi studio sul tavolo: Terre del Prosecco tra il Piave e l’Alto Livenza e Il paesaggio vitivinicolo del Monferrato – Unesco.