“Il piacere degli occhi”: il cinema d’autore a Verona

Parte la rassegna sui film d’autore targata Cinema Alcione e Comune di Verona, “Il piacere degli occhi: Il cinema che conta”. Il ciclo di incontri, che comprende la visione di cinque film in lingua originale, proseguirà fino al 2 marzo.

I film possono trasmettere emozioni e sensazioni nuove: paura, amore, divertimento, ma anche piacere. Per questo motivo il Cinema Alcione e l’Ufficio Cinema del Comune di Verona ha lanciato la nuova rassegna Il piacere degli occhi: Il cinema che conta dal 2 febbraio al 2 marzo. Il format propone cinque film d’autore proiettati in lingua originale con i sottotitoli per comprendere meglio l’essenza di ciò che il regista voleva trasmettere allo spettatore.

La rassegna partirà domani, venerdì 2 febbraio alle 17, con Paradise, film premiato alla Mostra del cinema di Venezia nel 2016. L’autore, Andrey Konchalovskiy, ha portato sul grande schermo l’orrore dell’olocausto ritratto con una splendida fotografia in bianco e nero. A presentare la proiezione e a discutere con il pubblico al termine, sui temi affrontati dal film, saranno lo storico Carlo Saletti, grande esperto della Shoah e il critico cinematografico Giancarlo Beltrame.

La rassegna proseguirà poi a cadenza settimanale proponendo, nel successivo appuntamento, Corpo e anima della regista ungherese Ildikò Enyedi, premiato con l’Orso d’Oro al festival di Berlino 2017 e candidato in questi giorni all’Oscar per il miglior film straniero. E’ una delicata e originale storia d’amore tra due persone, il direttore e un’impiegata di un mattatoio, che si accorgono che ogni notte fanno entrambi il medesimo sogno.

Gli altri tre film sono accomunati dalla presenza tra i protagonisti di Robert Pattinson, un attore che grazie alla sua fama si impegna a sostenere il cinema d’autore indipendente e i registi esordienti. Si partirà all’esplorazione dell’Amazzonia con Civiltà perduta, film del 2016 di James Gray, per poi assistere alla formazione adolescenziale di un futuro dittatore nel visionario L’infanzia di un capo (2017) di Brady Corbet. Infine vedremo Pattinson nell’ultimo appuntamento con il film Good Time (2017), un “post-neo-noir” dei fratelli Benny e Josh Safdie in cui il suo personaggio corre verso l’inevitabile fine in un tripudio di luci e colori artificiali.

Per informazioni: Tel. 0458005348 o www.veronafilmfestival.comune.verona.it