“Le potenzialità turistiche di Verona”, alcuni scatti

Focus sul turismo nella nostra città ieri al convegno organizzato da Verona Network in Camera di Commercio. Tra gli ospiti di eccezione anche Beatrice Pezzini e Gianmarco Mazzi

[pantheon_gallery id=”37613″][/pantheon_gallery]

 

 

Basterebbe riportare i dati elaborati dalla Regione Veneto per capire come il settore turistico nella nostra regione, così come nel resto d’Italia, sia in costante crescita da alcuni anni a questa parte: 19.172.576 (+7,4% rispetto al 2016 e +43,3% in dieci anni) gli arrivi sul territorio veneto nel 2017 e 69.184.082 (+5,8 rispetto all’anno scorso e + 30,4% rispetto al 2007) le presenze. Numeri record per la nostra regione che si riflettono anche a livello locale: a Verona, nel 2017, sono stati 4,8 milioni gli arrivi (+6,3%) e 17,3 milioni le presenze (+4,6%).

Per cogliere al meglio le opportunità di un trend positivo che va comunque alimentato e sostenuto nel tempo, l’associazione Verona Network ha organizzato un convegno dal titolo “Le potenzialità turistiche di Verona e del lago di Garda tra storia, paesaggi ed enogastronomia” che si è tenuto ieri, giovedì 17 maggio alle ore 17 presso l’auditorium della Camera di Commercio di Verona.

Lo scopo principale è ricercare e consolidare le corrette sinergie sul territorio affinché si arrivi a un miglioramento dell’offerta e a una ridistribuzione dei flussi turistici su tutto il territorio veronese.

Ospiti del convegno, il consigliere di amministrazione della Camera di Commercio Andrea Bissoli, l’assessore del Comune di Verona Francesca Toffali e il dirigente area cultura e turismo Gabriele Ren, i quali hanno ribadito la volontà di proporre la candidatura della città di Verona a Capitale italiana della cultura 2021, candidatura appoggiata e sostenuta anche dagli oltre 60 soci di Verona Network.