Gli Evanescence tornano in Italia

La band, tra le più rappresentative del panorama rock internazionale, è pronta a stupire ancora una volta il pubblico italiano. Appuntamento il 2 settembre per una data imperdibile all’Arena di Verona.

Dopo l’indimenticabile sold out al Teatro degli Arcimboldi di Milano nel marzo 2018, tornano in Italia gli Evanescence. E lo fanno con una speciale data evento, nella location più suggestiva ed emozionante di sempre: l’Arena di Verona.

Nati alla fine degli anni ‘90, nel marzo del 2003 pubblicano “Fallen”, l’album che consacra il loro successo nel mondo intero. La miscela di gothic e hard rock diventa uno dei casi più degni di nota nella stagione musicale dell’epoca, grazie a singoli come “My Immortal”, “Bring me to life” e “Going Under”.

Dopo l’uscita del fondatore Ben Moody, un silenzio artistico durato circa due anni. Il gruppo torna con l’album “The Open Door”, anticipato dal celebre brano “Call Me When You’re Sober”. Un disco che Amy, vocalist del gruppo, definisce di “purificazione”, in cui può liberamente esprimere i propri conflitti interiori, le sue personali esperienze di vita e una visione del successo non più pessimista, ma risolutiva.

A ottobre del 2011 esce “What you want”, traccia che precede “Evanescence”, il terzo album con cui la band torna all’origine del rock, entrato direttamente alla prima posizione della Billboard 200. Al termine della tournée mondiale legata all’album, sul palco della Wembley Arena di Londra, Amy Lee annuncia una lunga pausa musicale della band.

Durante gli anni di silenzio artistico e dopo una parentesi solista di Amy, il gruppo non smette di creare e sperimentare. Nel novembre 2017 incidono “Synthesis”, un progetto straordinario di reworking relativo ai tre precedenti album in studio, con l’aggiunta di due inediti. “Synthesis” è una fusione tra il canto virtuoso e il pianoforte di Amy Lee, supportato dalla sua band. Vi si aggiunge un’orchestra sinfonica arrangiata da David Campbell e una serie di programmi ed effetti di musica elettronica progettati dal co-produttore Will Hunt.

Il risultato è una sintesi tra organico e sintetico, suoni classici e rock, in una reinterpretazione del passato con lo sguardo sempre rivolto al futuro. Una narrativa concettuale che porta l’ascoltatore in un viaggio dall’oscurità alla luce accompagnato da un mix di groovy, elettronica e vibrazioni classiche. Dopo il Synthesis Live Tour, uno show in acustico senza precedenti con 82 date in tutto il mondo, compresa la tappa italiana a marzo 2018, gli Evanescence riabbracciano il gothic-rock.

La band statunitense, pluripremiata ai Grammy Awards, sarà in Italia il 2 settembre per un’incredibile performance nella meravigliosa cornice dell’arena di Verona.