Cinema africano: ecco il programma di domani

Quattro appuntamenti per celebrare l’interculturalità, quelli del Festival di Cinema Africano in programma per domani.

Il martedì del “Festival di Cinema Africano” inizierà con le proiezioni dedicate alle scuole, non solo quelle che si recheranno al Cinema Stimate per assistere alla proiezione del lungometraggio “La mélodie”, alle 9.30, ma anche quelle che si terranno negli istituti cittadini. Sono infatti oltre 7mila le studentesse e gli studenti coinvolti in questa 38esima edizione del Festival.

Dopo la scuola, al Centro Aperto Bambù di Verona, la realtà del quartiere Golosine che accoglie bambine, bambini e adolescenti dai 6 ai 16 anni, si terrà un laboratorio dedicato al fumetto interculturale prodotto dalla graphic journalist e sceneggiatrice Takoua Ben Mohamed, nata a Douz in Tunisia nel 1991 e cresciuta a Roma.

Takoua Ben Mohamed disegna e scrive storie vere a fumetti su tematiche sociali per la promozione del dialogo interculturale e interreligioso. Ha ricevuto molti riconoscimenti tra i quali quello della Comunità tunisina a Roma e quello della Repubblica Italiana; il riconoscimento giornalistico Premio Prato Città Aperta; il Premio Speciale Moneygram Award 2016. Ha collaborato con Village Universel, Italianipiù. Collabora con la redazione Rete Near Antidiscriminazione dell’Unar, Riccio Capriccio, Ana Lehti (Finlandia) e la produzione Fargo Entertainment. La sua ultima opera si intitola “La rivoluzione dei gelsomini”, uscita giusto ieri nei punti vendita.

L’autrice sarà ospite anche alla Libreria Pagina12 in Corte Sgarzerie a partire dalle ore 18.00, in occasione del “Festival in Libreria” per presentare la sua opera a fumetti intitolata “Sotto il velo”. In questo libro, attraverso l’utilizzo di strisce disegnate, racconta la sua storia che si mescola a storie di donne, femminismo, arte, ispirazioni e lotte, per rispondere con ironia ai preconcetti cui è sottoposta chi vive portando il velo nel nostro Paese. A dialogare con lei ci sarà la giornalista Jessica Cugini.

La serata di martedì si concluderà infine con le proiezioni, alle ore 21.00, al Cinema Teatro Santa Teresa, di due film in concorso: il cortometraggio  “Hands” , del Camerun, in cui si raccontano le discriminazioni che subisce sul posto di lavoro una giovane infermiera camerunese che lavora a Berlino; e il lungometraggio sudafricano “The Wound”, che ha come protagonista un ragazzo che partecipa a un viaggio di iniziazione per adolescenti sulle montagne dell’Easter Cape. Il film è stato selezionato per rappresentare il Sudafrica agli Oscar nella sezione dedicata al Miglior film straniero.

Ospite della serata Ermanno Marogna counselor e mediatore familiare, da anni si occupa di tematiche LGBT (lesbiche, gay, bisessuali e transessuali) con singole persone, coppie, famiglie e gruppi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.