Al Camploy arriva lo spettacolo musicale 68 Jukebox

Azzurro di Conte, Eskimo di Guccini, Vengo anch’io no tu no di Jannacci sono alcune delle canzoni scelte da Enrico De Angelis, storico della canzone e ventennale direttore artistico del Premio Tenco di Sanremo, per lo spettacolo di Fondazione Aida dal titolo 68 Jukebox che sarà presentato il 9 aprile alle ore 21.00 presso il Teatro Camploy di Verona nell’ambito della rassegna L’Altro Teatro organizzata dal Comune di Verona e ArteVen.

GUARDA IL TRAILER

La drammaturgia è dell’autrice menzione speciale Premio Hystrio 2014 Margherita Monga, mentre la regia è di Manuel Renga, direttore del Teatro Libero di Milano. 

Attraverso musica e teatro, lo spettacolo, con Cristiano Parolin e Martina Lazzari,  racconterà l’atmosfera musicale e letteraria di quel periodo.  Grazie ad alcune canzoni rappresentative si parlerà delle tematiche che più caratterizzano il ’68 in Italia: le lotte per i diritti civili, il pacifismo e l’antimilitarismo, la rivolta studentesca, le rivendicazioni sindacali.  Non mancheranno fatti di cronaca del tempo in un’analisi critica al ’68 espressa, a posteriori, in epoche successive. La musica sarà protagonista grazie anche al racconto della canzone stessa, soprattutto quella legata ai grandi cantautori. Musica che, in quel periodo, prende coscienza di sé e si evolve. Uno spettacolo coinvolgente per un pubblico di età eterogenea: gli adolescenti si avvicineranno a una parte importante della storia e cultura contemporanea mentre gli adulti rivivranno momenti e canzoni della loro giovinezza.