“Tempi feroci”, padre Zanotelli presenta il libro di Vincenzo Passerini

Venerdì 31 gennai presso la Parrocchia di San Nicolò all’Arena padre Alex Zanotelli presenterà il nuovo libro di Vincenzo Passerini: “Tempi feroci. Vittime, carnefici, samaritani”.

Padre Alex Zanotelli torna a Verona ospite della Parrocchia di San Nicolò all’Arena venerdì 31 gennaio alle ore 20.30 in occasione della presentazione del nuovo libro di Vincenzo Passerini “Tempi feroci. Vittime, carnefici, samaritani” (Gabrielli editori 2019).

L’incontro è organizzato e promosso da Gabrielli editori e dal Gruppo di Iniziativa Territoriale veronese di Banca Etica che aderisce al Cartello delle associazioni “Nella mia città nessuno è straniero“, in collaborazione con i Padri Comboniani, il Monastero del Bene Comune, le Comunità Cristiane di Base di Verona e la Fondazione CIS. Una importante occasione per l’associazionismo veronese per rinnovare il proprio impegno nell’ambito della solidarietà e dei diritti umani.

Vincenzo Passerini

Il libro di Vincenzo Passerini è un richiamo forte alle coscienze che devono decidere se stare dalla parte dei carnefici o delle vittime. Se fingere di non vedere la vittima, come fanno il sacerdote e il levita della parabola evangelica, oppure soccorrerla e accoglierla, come fa il samaritano. Le vittime di questa stagione feroce sono i profughi e i migranti, umiliati e offesi, torturati e assassinati nei lager libici, lasciati annegare nel Mediterraneo, respinti e uccisi da muri e da leggi disumane, feriti dai razzismi, sfruttati.

A partire quindi dai temi del libro la data veronese conclude una serie di incontri che hanno visto protagonisti il comboniano padre Zanotelli e Vincenzo Passerini in diverse località del Trentino per promuovere una riflessione e «porre un argine alla barbarie nella quale stiamo scivolando» come spiegato da Passerini in una recente conferenza stampa, il quale ha inoltre anticipato che l’intervento di padre Zanotelli avrà «uno sguardo internazionale. Il suo sarà un messaggio di critica, senza riguardo verso nessuno, come sempre, e di speranza insieme. Parlerà dei problemi di scadimento del discorso sociale, di violenza e ingiustizie riguardo il fenomeno migratorio, il traffico di armi, il sistema economico, l’ambiente». Questo incontro, come i precedenti, «ha lo scopo inoltre di incoraggiare i gruppi e le persone che propongono un altro discorso, per coltivare germi di speranza. Non è detto che la barbarie vinca sempre. Alex Zanotelli ha voglia di incontrare le persone e sostenerle, perché girando l’Italia coglie la doppia faccia della medaglia: da un lato la ferocia dei nostri tempi, dall’altro la risposta positiva che danno tante realtà».