Rassegna del fumetto popolare, arriva “Kinowa”

Torna con la sua 24° edizione la Rassegna del fumetto popolare. Protagonista di quest'anno sarà il fumetto "Kinowa - vendetta e terrore".

kinowa

Giuseppe Poldiallai, uno dei maggiori collezionisti italiani di fumetti, infaticabile e appassionato, organizza la 24° edizione della rassegna del fumetto popolare in collaborazione con la VI Circoscrizione, l’Assessore al Decentramento Marco Padovani, e il Gruppo Promozionale del Quartiere Trieste.

La mostra “Kinowa – vendetta e terrore“, ospitata nel Centro Civico “Tommasoli” nel borgo Santa Croce, espone, a partire dal n. 1 del 1° maggio 1950, tutti gli albi delle serie e ristampe della storica casa editrice sino alla recentissima ristampa delle edizioni IF di Gianni Bono, provenienti dalla sempre ammirata straordinaria collezione di Giuseppe Poldiallai.

Il protagonista della saga è Sam Boyle che, dopo aver assistito alla distruzione della sua famiglia a opera dei pellirosse, viene ferocemente scalpato. Rimessosi dopo lunghe sofferenze dedica tuta la vita alla vendetta spargendo il terrore tra i pellerossa grazie a una verde maschera demoniaca da lui stesso costruita. Kinowa, probabilmente ispirato al romanzo salgariano “Avventure tra i pellirosse” di Emilio Salgari, è un personaggio creato nel 1950 da Andrea Lavezzolo con lo pseudonimo di A. Lawson e disegnato prima dalla EsseGesse e in seguito da Pietro Gamba.

I visitatori saranno omaggiati di un piccolo catalogo stampato per l’occasione con una strepitosa copertina di Giorgio Montorio e tre storie a fumetti: Lele Vianello fa catturare da Kinowa i componenti della Banda Bassotti, entrati di notte per rubare le pubblicazioni in mostra; Giuliano Conte induce un indiano assalitore a far pace visitando la Mostra stessa; e Beppe Vit mostra i principali personaggi della serie allegri e soddisfatti nel vedersi così celebrati a Verona.

La rassegna, a libero accesso, è aperta dal 17 al 20 ottobre dalle ore 10 alle ore 12.30 e dalle 15.30 alle 19.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.