Opera Festival. Le prima di “Traviata” nel ricordo del Maestro Zeffirelli

Al via l'Arena Opera Festival del 2019, nel ricordo del maestro Franco Zeffirelli, scomparso solo pochi giorni fa.

prima arena ricordo zeffirelli

È stata anche una serata-omaggio a Franco Zeffirelli, il regista scomparso qualche giorno fa, l’apertura del 97esimo Festival lirico dell’Arena di Verona, con la messa in scena di Traviata, nella regia e con le scene firmate dal mastro fiorentino.

opera festival Sergio MattarellaIn Arena, assieme al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, anche la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, erano presenti ministri Giovanni Tria, Alberto Bonisoli, Erika Stefani e Lorenzo Fontana e alle altre autorità istituzionali. Uno spettacolo trasmesso da Rai1 in diretta in mondovisione, con un allestimento kolossal e il tutto esaurito. In apertura dello spettacolo un tributo speciale: un video di 3 minuti dedicato a “Franco Zeffirelli creatore di sogni” che si apre sulle note di “Amami Alfredo” e si chiude con un “all right” del maestro fiorentino che manda un bacio.

Il presidente Mattarella in Arena

Qui le foto della prima serata.

L’addio

zeffirelli
La sovraintendente Cecilia Gasdia con Franco Zeffirelli, qualche mese fa.

A 96 anni, lo scorso 15 giugno, è scomparso il Maestro Zeffirelli: la tragica notizia ha scosso l’intera città di Verona, che attraverso le parole del sindaco Federico Sboarina e sovraintendente della Fondazione Arena Cecilia Gasdia ha pianto lo sceneggiatore e regista che con il suo genio aveva da sempre contribuito ad aumentarne il valore. Una notizia giunta a pochi giorni dall’apertura del Festival lirico, che quest’anno aveva in programma proprio per la sua prima serata, il 21 giugno, la nuova produzione zeffirelliana della “Traviata” di Verdi.

“Verona città dell’opera”

Per omaggiare il Maestro, oltre che per una valorizzazione turistica in vista della stagione lirica, Fondazione Arena ha ideato un progetto “Verona città dell’opera”, che prevede il riuso di scenografie non utilizzate per abbellire la città e, al contempo, tenere viva l’arte di Zeffirelli e celebrare il suo legame con Verona.

Franco ZeffirelliFino al 15 ottobre, dalla stazione di Porta Nuova, passando per il corso, da Porta Palio a Porta Vescovo, fino alla Croce Bianca, le scenografie delle più famose opere areniane accoglieranno turisti e cittadini.

Tra queste, il faraone realizzato per l’Aida di Zeffirelli che andò in scena nel 2002, due giganti rose rosse del “Barbiere di Siviglia” del 2007, due statue dell’opera “Romeo e Juliette” e due manufatti del Nabucco del 2011. Il liston su Piazza Bra, inoltre, contribuisce a rendere ancor più suggestiva l’atmosfera del festival con gonfaloni che riprodurranno tutte le opere in programma fino a settembre.

“Traviata” e “Trovatore”

Il programma della “Traviata” zeffirelliana conta undici appuntamenti: oltre alla prima serata del 21 giugno e a quella del 28, lo spettacolo andrà in scena nelle giornate dell’11, del 19 e del 25 luglio, dell’1, 8, 17, 22 e 30 agosto e, infine, il 5 settembre.

Franco Zeffirelli ha firmato anche la produzione di un’altra opera di Verdi, il “Trovatore”, che sarà titolo protagonista delle serate del 29 giugno e del 4, 7, 20 e 26 luglio.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.