Il 29 luglio la PFM e Cristiano De André si alterneranno sul palco dell’Arena di Verona per un concerto che li vedrà alternarsi sul palco e condividere la parte finale in un tributo imperdibile a Fabrizio De André.

Oggi pomeriggio una divertita conferenza stampa a Palazzo Barbieri dei musicisti assieme al sindaco Federico Sboarina e Gianmarco Mazzi, raccontando aneddoti sulla nascita del percorso artistico con il musicista genovese.

40 anni fa la formazione di Franz Di Cioccio saliva sul palco insieme a Faber per il disco “La Buona Novella”, e fu la svolta, come hanno raccontato davanti alla stampa: per il cantore degli ultimi, che iniziò a dare spazio alla musica curandola come i suoi testi: per la prog band che abbandonò il ruolo di sessionmen di lusso per diventare una band a tutti gli effetti.

«Il lavoro che ha fatto Fabrizio è enorme – ha detto il batterista della storica band – tutte le volte che lo riscopri sorprende ancora noi, figurati un ragazzo ancora adesso. Quando siamo su un palco, siamo la PFM, una band scrupolosa, meticolosa, ma tutto rigorosamente fatto a mano come i tortellini»

«Ho avuto la fortuna di vedere la svolta di mio padre – ha detto Cristiano De André a margine della conferenza – per un cantautore con la “C” maiuscola unirsi ad un gruppo rock è stata una grande svolta».

«Suoniamo da quasi 50 anni, abbiamo fatto quasi 6 mila concerti in tutto il mondo, abbiamo visti ragazzi crescere con la nostra musica, diventare professionisti di primo livello. È bello per la musica, da un senso ulteriore a quello che noi come artisti cerchiamo di fare, diffondere musica di qualità per noi stessi» ha detto un ispirato Patrick Djivas.

«La serata si dividerà in tre blocchi, io inizio con lo spettacolo “Storia di un impiegato” che ho rivisitato insieme a Stefano Melone e abbiamo reso un’opera rock, con video riprese dal 1968 ad oggi, nel secondo blocco la PFM riproporrà una parte del suo repertorio con mio padre, nel terzo blocco mischieremo le carte e faremo cose insieme» ha concluso Cristiano De André.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.