I “Martedì del mondo”, domani un docu-film su Mimmo Lucano

Torna l'appuntamento con i "Martedì del mondo" promossi da Fondazione Nigrizia Centro missionario diocesano, Combonifem e Cestim. Il prossimo incontro si terrà domani sera, 22 ottobre, alle 20.30 nella Sala Africa dei Missionari Comboniani in Vicolo Pozzo 1, con la proiezione di "Esilio. La passione secondo Lucano".

Dopo quasi un anno è ritornato a casa Mimmo Lucano. I primi di settembre, il tribunale di Locri ha revocato il divieto di dimora e l’allontanamento dal paese per l’ex-sindaco di Riace. Ma cosa è accaduto in questo tempo a Lucano e alla sua gente dopo che al primo cittadino è stato contestato il “reato di favoreggiamento di immigrazione clandestina”? A raccontarlo è il film di Maurizio Fantoni Minnella, “Esilio. La passione secondo Lucano”, che ripercorre la storia dell’esperienza di accoglienza e solidarietà del piccolo comune calabro. Nel documentario, oltre alle voci dei migranti e delle persone che hanno dato vita a quello che è stato definito il “modello Riace”, la narrazione di cosa ha significato per il paese e per l’anziano padre la criminalizzazione e l’allontanamento di Mimmo.

Il lavoro di Fantoni Minnella vuole mettere in luce l’elaborazione psicologica percorsa da Lucano quando si è visto vittima della privazione dei propri diritti e della trasformazione delle proprie abitudini. Il protagonista di questo esilio forzato ripercorre il periodo di solitudine che lo ha visto ai margini della propria città, Riace, vuota, sospesa fra il silenzio di coloro che non ci sono più, partiti dopo aver visto boicottare le ventennali realtà di accoglienza, e le voci di quelli che sono rimasti a difendere un progetto sostenibile di umanità multietnica e multiculturale.

Alla proiezione, per continuare a riportare quel che è accaduto e sta accadendo a Riace, saranno presenti il regista del film e l’amico e coordinatore dei contatti con Riace e Mimmo Lucano, Rocco Cordi.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.