Carmen, domani in Arena con il primo cast

Sabato 27 luglio alle 21 va in scena la sesta rappresentazione dell’opera di Bizet per l’Arena Opera Festival 2019 con la direzione di Daniel Oren e la regia di Hugo de Ana.

Dopo il successo delle prime recite nel capolavoro del compositore francese Georges Bizet, tornano il mezzosoprano Kesnia Dudnikova e il tenore Martin Muehle nei panni rispettivamente della protagonista Carmen e del brigadiere Don José che di lei si innamora perdutamente di un amore folle, estremo e alla fine fatale.

Tra loro si frappongono altri personaggi con le loro storie: la tenera ma decisa Micaela di Karen Gardeazabal e il sicuro torero Escamillo di Alberto Gazale. Se si confermano Elisabetta Zizzo come Frasquita e la coppia di contrabbandieri composta da Nicolò Ceriani (Dancairo) e da Roberto Covatta (Remendado), ben tre sono i giovani talenti che salgono sul palcoscenico areniano, chi per la prima volta in assoluto, chi per la prima volta in Carmen: è il caso di Mariangela Marini come Mercédès, di Krzysztof Bączyk come Zuniga e di Daniel Giulianini come Moralès.

Lo spettacolo che dà vita e forma alla vicenda dell’opera di Bizet, il titolo più amato e rappresentato all’Arena di Verona dopo la verdiana Aida, è quello che ha inaugurato il Festival 2018. Per l’occasione il regista scenografo e costumista argentino Hugo de Ana ha spogliato la visione tradizionale dell’opera per portarla in una realistica Spagna anni Trenta.

L’indipendenza della protagonista, che affascina e spaventa allo stesso tempo, si muove sullo sfondo dell’irrequieta Repubblica spagnola del primo Novecento, che cederà alle forze del Franchismo. La vicenda intima e il dramma personale di Carmen cresce di tensione fino a culminare nello scontro in una vera e propria plaza de toros, ricreata sin dall’inizio sul grande palcoscenico dell’Arena di Verona.

Le luci di Paolo Mazzon e le proiezioni di Sergio Metalli tingono l’antico anfiteatro veronese di inedite sfumature. Dirige il maestro Daniel Oren, Direttore musicale del Festival 2019, alla guida dell’Orchestra e del Coro istruito da Vito Lombardi, del Ballo preparato da Gaetano Petrosino su coreografie di Leda Lojodice, del Coro di Voci bianche A.LI.VE. diretto da Paolo Facincani, e di mimi e figuranti per uno spettacolo originale e potente per lo spazio unico dell’Arena di Verona.

Prossime repliche in programma per il 2, 24 e 27 agosto alle 20.45. Si chiude il 4 settembre sempre alle 20.45

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.