Studenti interrompono concerto di Capossela: «La cultura deve essere per tutti»

Gli studenti hanno chiesto di rendere le iniziative culturali come il concerto di Capossela aperte a tutti e gratuite.

capossela pisa

Un blitz di un centinaio di studenti ha interrotto a Pisa il concerto di Vinicio Capossela, nella centralissima piazza dei Cavalieri.

I giovani sono arrivati all’improvviso e hanno rimosso le transenne che delimitano l’area della platea raggiungendo il palcoscenico e interrompendo la musica. Tre studenti, appartenenti ai collettivi universitari riconducibili all’area antagonista, sono poi saliti sul palco per un conciliabolo con il cantautore che ha successivamente offerto loro il microfono per alcuni minuti.

Gli studenti hanno dunque spiegato il loro punto di vista: «Iniziative culturali come questa, in luoghi pubblici non devono essere a beneficio di pochi e a pagamento ma devono essere gratuite e per tutti». Il concerto è poi ripreso ed è giunto al termine senza altri disagi con decine di giovani che si sono posizionati a seguirlo a lato del palco. In nottata sul profilo Fb di Exploit Pisa, una delle sigle antagoniste dei collettivi studenteschi, è comparso una sorta di post di rivendicazione dell’accaduto. (Ansa)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.