L’Università di Padova darà un volto a San Teobaldo

Accertamenti sulla causa della morte attraverso il dna.

Università di Padova San Teobaldo

Dopo Sant’Antonio nel 2014 e San Valentino nel 2018, ora anche San Teobaldo avrà un volto.

L’urna che contiene i resti scheletrici del Santo, collocata nella chiesa di San Giovanni Battista a Badia Polesine, in provincia di Rovigo, è stata riaperta oggi e i primi rilievi sono stati condotti da un gruppo di studiosi dell’Università di Padova.

Lo studio, oltre a dare una fisionomia al Santo che morì di lebbra nel 1066, potrebbe contribuire attraverso il dna anche a fornire nuove informazioni sulla diffusione della malattia in Europa. (Ansa)