Bonisoli, con crisi assunzioni a rischio

«Sono a rischio alcuni importanti provvedimenti messi in campo dal Ministero dei beni culturali, a partire dalle assunzioni di personale, insieme a investimenti per un totale di 10 milioni di euro in finanziaria».

Con la crisi di governo aperta dalla Lega «sono a rischio alcuni importanti provvedimenti messi in campo dal Ministero dei beni culturali, a partire dalle assunzioni di personale, insieme a investimenti per un totale di 10 milioni di euro in finanziaria».

Lo denuncia in un post video sui suoi social il ministro della Cultura Bonisoli: «E’ un danno per il Paese. Noi abbiamo pronto un concorso ad ottobre per circa 3mila persone, un concorso per 28 dirigenti sempre ad ottobre, mille assunzioni di funzionari a dicembre e 250 persone che dovrebbero arrivare dai centri per l’impiego».

Tra le norme previste in finanziaria, «30 dirigenti di seconda fascia in più a partire dal 2020, l’incremento del Fondo delle risorse decentrate, l’ex Fua, usando il 5% dei ricavi dei musei statali a beneficio di tutti i dipendenti, del ministero», oltre alla maggiorazione della indennità di amministrazione sempre per i dipendenti Mibac, fondi per la formazione e le qualifiche per gli idonei. (ANSA)